Venerdì, 26 febbraio 2021 - ore 23.10

Lodi. Arrivano 1.700.000 euro per sviluppo rurale

| Scritto da Redazione
Lodi. Arrivano 1.700.000 euro  per sviluppo rurale

Piano di sviluppo rurale: in arrivo 1.700.000 euro in Provincia di Lodi
Assessore Boneschi: “una risposta adeguata alle esigenze di miglioramento delle aziende del nostro territorio”
Ammontano a quasi un milione e 700 mila euro i contributi che la Regione Lombardia ha riservato alle aziende agricole della Provincia di Lodi nell'ambito del più recente riparto di fondi previsti dal Piano di Sviluppo Rurale 2007-2013. Complessivamente sono 17 le domande ammesse a contributo.
In particolare, la Provincia di Lodi ha visto finanziate tutte e sedici le domande che erano state presentate e correttamente istruite nell'ambito del sesto periodo della “Misura 121”, per interventi sulle strutture di pertinenza delle aziende agricole: in questo caso l'importo complessivo ammonta a 1.163.751,16 euro. “Tra le tipologie di intervento relative a questa misura – spiega l'Assessore all'Agricoltura della Provincia di Lodi, Matteo Boneschi - troviamo prevalentemente la rimozione dell'amianto dai tetti dei fabbricati agricoli e in alcuni casi la sistemazione di strutture di ricovero e la costruzione di nuove stalle per le bovine da latte. Non posso che essere soddisfatto: 16 domande in graduatoria e tutte e 16 accettate rappresentano la risposta adeguata alle esigenze di miglioramento delle aziende del territorio. Anche sul fronte della salute e della sicurezza sul lavoro, visto che buona parte di queste domande sono relative all'eliminazione dei tetti in amianto”.
Per il quinto riparto della “Misura 311 B” (energie rinnovabili) è stata ammessa una domanda per un importo di contributo pari a e 500.000,00 euro; si tratta di un impianto di biogas della potenza di 1Mw. In totale le domande partite dal Lodigiano erano state 27, ma la drastica selezione ha riguardato anche le altre realtà provinciali: su un totale di 338 domande e di 70 milioni di euro richiesti in Lombardia, la Regione ne ha finanziate 13, per un totale di 4milioni e 600mila euro. Nessun contributo invece per la “Misura 311 A” (diversificazione verso attività non agricole: agriturismi"), per la quale le domande ammissibili presentate da aziende lodigiane erano state 3, per un totale di circa 522.000 euro. “E' un peccato, perché quello degli agriturismi è un ambito sul quale la Provincia di Lodi intende investire sia per l'importanza che hanno sul fronte turistico in generale, sia in vista dell'appuntamento con Expo del 2015 – dice Matteo Boneschi -. Purtroppo gli attuali criteri del Piano di Sviluppo Rurale su tale misura premiano le zone di montagna a scapito della pianura. Circostanza che ho già fatto presente ai tavoli regionali, chiedendo un riequilibrio verso chi finora si è sempre visto escluso. Ma ci saranno nuove occasioni di finanziamenti regionali con cui premiare il settore”. E in tema di risorse per gli interventi strutturali delle aziende agricole, non va dimenticato il bando appena pubblicato per l'adeguamento delle aziende zootecniche al trattamento dei reflui: 15 milioni di euro che lo stesso Boneschi aveva chiesto a inizio giugno di dedicare a questa misura per venire incontro agli agricoltori, anche lodigiani, alle prese con il problema nitrati.

1249 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria