Lunedì, 20 maggio 2024 - ore 14.51

Matteo Piloni (#Pd) news del 21 febbraio 2024: Caccia, Africoltura, Trasporto

Caccia: valichi vietati;Agricoltura: la Regione può fare di più;Trasporto Pubblico:la regione non ci crede

| Scritto da Redazione
Matteo Piloni (#Pd) news del 21 febbraio 2024: Caccia, Africoltura, Trasporto

Matteo Piloni (#Pd) news del 21 febberaio 2024: caccia, Africoltura, Trasporto 

Caccia: valichi vietati;Agricoltura: la Regione può fare di più;Trasporto Pubblico:la regione non ci crede

Caccia- Piloni, Carra e Negri(Pd): Per le forzature della maggioranza la Regione commissariata nell’individuazione dei valichi vietati

 Dopo l'ennesimo ricorso presentato dalla Lac (Lega abolizione caccia) la Regione è stata commissariata nelle proprie funzioni. Il Tar della Lombardia ha infatti imposto, con la sentenza 482, un commissario ad acta che la sostituisca nell’individuazione dei valichi di passaggio degli uccelli migratori vietati alla caccia.

 “Il 7 luglio scorso – commentano i consiglieri regionali del Pd Matteo Piloni, Marco Carra e Simone Negri-in Commissione agricoltura si è discusso e votato un provvedimento amministrativo per individuare i valichi montani, questo per ottemperare una sentenza del Tar del 5 aprile  che imponeva   di chiudere  alla caccia diversi valichi. La giunta, con l’assessore Beduschi, aveva presentato un documento redatto dagli uffici tecnici    per almeno   recepire le sollecitazioni del Tar ma la sua maggioranza in  Commissione ha presentato tre emendamenti che indebolivano il testo, già di per se limitato. Una forzatura del tutto inopportuna,   a cui abbiamo votato contro, che, come avevamo previsto,  prestava il fianco a ricorsi e sentenze sfavorevoli”.

 “Ancora una volta- concludono i consiglieri dem- i lombardi sono vittime delle forzature della destra che sulla caccia si ostina a seguire una politica   che in realtà nuoce prima di tutto al mondo venatorio che ha bisogno di norme certe e non di provvedimenti indifendibili”.

---------------------

Agricoltura PILONI (PD): “REGIONE PUÒ FARE DI PIÙ. ANCHE VALORIZZANDO LA RICERCA CHE GIÀ SOSTIENE”

“Regione inizi a valorizzare le ricerche che finanzia, come, ad esempio, quelle che dimostrano che certi prodotti abbattono l’ammoniaca, cioè uno degli elementi che contribuisce a inquinare, presente nei liquami. E sostenendo le aziende a utilizzarli. Forse anche così si può aiutare a risolvere davvero il problema delle emissioni”, risponde così Matteo Piloni, consigliere regionale del Pd, alle affermazioni dell’assessore all’Agricoltura Beduschi, secondo cui il settore in Lombardia ha ridotto le emissioni con percentuali superiori ad altri Paesi.

“Come abbiamo detto più volte, Regione può fare molto di più rispetto a ciò che fa per il contenimento degli inquinanti, anche in agricoltura. La sproniamo ancora una volta ad agire, utilizzando meglio le centinaia di milioni di euro che l'Europa dà alla Lombardia”, aggiunge il dem.

“Infine, sollecitiamo la Giunta ad accelerare il saldo della Pac alle aziende, senza aspettare giugno. Anche questo è un modo per sostenere concretamente l’agricoltura”, conclude Piloni.

------------------------

TRASPORTO PUBBLICO, PILONI (PD): “LA REGIONE NON CI CREDE, NON INVESTE QUANTO POTREBBE SULLA GOMMA E NON AUMENTA LA QUOTA DEL FONDO”

“L’assessore Lucente ha comunicato la ridistribuzione delle risorse del Fondo trasporti alle Agenzie di trasporto pubblico locale, ovvero quelle che affidano alle società dei trasporti cittadini e provinciali il denaro per garantire il servizio bus urbano ed extraurbano. Ma ha confermato per l’ennesima volta che la Giunta Fontana non crede fino in fondo a questi servizi e all’esigenza di un grande cambiamento, fondamentale per la qualità della vita e dell’aria delle nostre terre e dei nostri cittadini: ha comunicato, infatti, che verranno ridistribuiti alle agenzie lombarde 25 milioni di euro in più complessivi per il 2024. Peccato che questo incremento sia esattamente la metà di quanto lo Stato ha trasferito nel 2024 alla Regione per effetto dell’aumento del Fondo nazionale trasporti ancora da parte del Governo Draghi” così il consigliere regionale del Pd Matteo Piloni commenta la notizia dello stanziamento regionale annunciato ieri.

“Il Governo Draghi aveva deliberato l’incremento del Fondo nazionale trasporti per Regione Lombardia di 17 milioni nel 2022, 34 milioni per il 2023 e 51 milioni per il 2024 – spiega Piloni –. Dei 51 milioni per il 2024, solo la metà è stata distribuita per il trasporto pubblico su gomma quando i pendolari che utilizzano il tpl sono quattro volte superiori rispetto a quelli che usano il trasporto ferroviario. L’altra metà immaginiamo sia finita a Trenord che ha goduto di un incremento annuo di 89 milioni di euro più Iva, portando il costo del contratto di servizio di Trenord all’anno alla cifra monstre di 542 milioni di euro. Aumento non certo accompagnato da un miglioramento del servizio ferroviario regionale, come sappiamo bene. Perché continua, quindi, questa penalizzazione nei confronti del trasporto pubblico su gomma che serve la stragrande parte del territorio e dei cittadini lombardi.

  “E poi va aggiunto un fatto fondamentale – sottolinea il consigliere - : mentre lo Stato, grazie alla volontà del Governo Draghi, ha incrementato il Fondo nazionale trasporti di 102 milioni tra il 2022 e il 2024 per la Lombardia, Regione non aumenta la sua quota di Fondo per i trasporti da 10 anni e rimane inchiodata ai 218 milioni rispetto ai 431 milioni di contributi dello Stato. Altre Regioni, con meno potenzialità e ambizioni della Lombardia, in rapporto alla spesa pro capite per cittadino hanno integrato molto di più, permettendo forme di gratuità del trasporto pubblico per studenti e universitari.

 “Cremona si trova nell’Agenzia del trasporto pubblico locale insieme a Mantova che corrisponde al 5% del trasporto pubblico di tutta la Lombardia. E la cifra percentualmente suddivisa per questa agenzia è di 34,6 milioni di euro complessivi, cioè 22,9 dallo Stato e 11,6 dalla Regione. Un contributo assolutamente non rispondente alle nostre esigenze. In questo modo, non si può dare una risposta adeguata alla richiesta di servizio dei cittadini e di salute rispetto alla grave situazione di inquinamento cui siamo soggetti” conclude Piloni.

Milano 21 febbraio 2024

316 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online