Lunedì, 25 ottobre 2021 - ore 19.10

Note sull’enciclica Laudato Sì di Mario Agostinelli

In queste note mi sono avvalso anche di contributi già diffusi (in particolare di Peter Kammerer e Valerio Crugnola) che ho interpretato sotto mia responsabilità.

| Scritto da Redazione
Note sull’enciclica Laudato Sì  di Mario Agostinelli

Chiunque legga questa enciclica ne è profondamente toccato, anche se sulla cura della casa comune essa non dice quasi nulla che già non sappiamo o abbiamo sentito riportare (Langer, Illich, Sachs, Beccattini etc). Il fatto è che, schiacciati su un presente continuo e distratti dalla velocità con cui inseguiamo avvenimenti periferici che ci raggiungono continuamente amplificati, subiamo un disorientamento temporale, ignoriamo quello che abbiamo sotto gli occhi e non abbiamo il coraggio di indicare un futuro socialmente e ambientalmente desiderabile. Constatazioni ragionevoli, principi condivisibili, aspirazioni legittime, sono diventati ormai verità senza ali, (“die nicht mehr beflügeln”, come afferma Peter Kammerer, alludendo alla delusione politica e ai Grunen in particolare). 

Siamo di fronte, almeno nella cultura occidentale ad un collasso narrativo, che il papa ritiene necessario interrompere scegliendo il linguaggio della religione cristiana e le immagini dei suoi miti, ma ancorandole alla raffigurazione che la scienza moderna restituisce del pianeta che abitiamo. Si parte da pentimento, peccato, sacrificio, amore di Dio, ma li si riferisce alla previsione constatabile dell’agonia del pianeta

Per leggere l’intero articolo apri o scarica l’allegato 

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

845 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria