Lunedì, 17 dicembre 2018 - ore 15.59

ONLIT Trenord alza bandiera bianca: piano sbagliato nel metodo e nel merito

"Cosa ne pensa la Regione Lombardia?" Sintesi della lettera spedita dall'ONLIT al Presidente Sandro Fontana e all'Assessore ai trasporti Claudia Terzi.

| Scritto da Redazione
 ONLIT Trenord alza bandiera bianca: piano sbagliato nel metodo e nel merito

 ONLIT Trenord alza bandiera bianca: piano sbagliato nel metodo e nel merito 

Cosa ne pensa del piano di tagli presentato in questi giorni da Trenord la regione Lombardia visto che i servizi li paga e li programma la regione stessa? Il metodo corretto sarebbe che Trenord propone i tagli e ne spiega le motivazioni (riorganizzazione aziendale, tempi e obiettivi) e la Regione Lombardia lo valuta, lo cambia o lo respinge.

Così facendo è emerso chiaramente che il produttore dei servizi (Trenord) fa anche la parte del regolatore pubblico decidendo nel metodo. Cosa che si escluderebbe in un altro contesto europeo dove la programmazione dei servizi è saldamente in mano al regolatore all’ente istituzionale pubblico. Questa confusione di ruoli deresponsabilizza gli attori in campo Regione, Trenord, Trenitalia e RFI che non cercano altro che scaricare su altri le colpe di questa grave crisi di Trenord. L’azienda ferroviaria dopo aver proclamato per 7 anni che con il matrimonio (FNM/FS) tutto sarebbe cambiato in meglio ha dovuto alzare bandiera bianca, nonostante i sempre maggiori trasferimenti di risorse pubbliche. Anche nel merito il provvedimento è sbagliato.Per guarire il collasso di Trenord non è sufficiente il piano di tagli ai treni e di sostituzione con autobus senza una profonda riorganizzazione societaria e gestionale di Trenord. La soppressione dei treni, infatti, di per se stessa non riorganizza la gestione delle attività lavorative più importanti la condotta/scorta dei treni e la manutenzione senza un piano di riassetto organizzativo e la revisione delle normative del lavoro. Sopprimere i treni per esempio al mattino dopo l'ora di punta è controproducente, carica ancora di più i treni dell'ora di punta. Se “l’infrastruttura è al limite della capacità nei nodi principali”, afferma Trenord a giustificazione del piano di tagli, perché si sopprimono i treni sulle linee meno utilizzate dove non ci sono, neppure lontanamente, problemi di saturazione. Se verranno tagliati e sostituiti con Autobus i previsti 40 mila treni annui (il 5% della produzione ferroviaria come annunciato) ricordiamo che è previsto dala normativa europea che vengano fatte le gare per l’affidamento dei servizi sostitutivi e ciò è consigliato anche dall’antitrust. Ciò, oltre che essere corretto e trasparente dal punto di vista formale recurerebbe il ruolo delle aziende di trasporto su gomma extraurbane che hanno subito pesanti tagli in questi ultimi anni per spostare le risorse su Trenord come ben sanno i pendolari delle linee extraurbane. Non si vorrebbe trovare dietro l’angolo a far man bassa di servizi Busitalia (l’azienda automobilistica delle FS).

Dario Balotta, presidente ONLIT (Osservatorio Nazionale Liberalizzazioni Infrastrutture e Trasporti)

193 visite

Articoli correlati