Giovedì, 19 settembre 2019 - ore 23.44

MANOVRA: ONLIT, PREPENSIONAMENTI ALITALIA PROVVEDIMENTO INIQUO (Dario Balotta)

BASTA PRIVILEGI ECCO PERCHE' SERVE UN REFERENDUM Mentre si va in pensione mediamente a 65 anni e questa è un miraggio per i giovani, sette anni di prepensionamento per gli addetti di Alitalia è un provvedimento iniquo per privilegiati.

| Scritto da Redazione
MANOVRA: ONLIT, PREPENSIONAMENTI ALITALIA PROVVEDIMENTO INIQUO (Dario Balotta)

MANOVRA: ONLIT, PREPENSIONAMENTI ALITALIA PROVVEDIMENTO INIQUO (Dario Balotta)

 BASTA  PRIVILEGI ECCO PERCHE' SERVE UN REFERENDUM  Mentre si va in pensione mediamente a 65 anni e questa è un miraggio per i giovani,  sette anni di prepensionamento per gli addetti di Alitalia è un provvedimento iniquo per privilegiati.

 Il "pacchetto" pensioni inserito nel d.d.l. collegato alla manovra è un affronto alle nuove generazioni, ai precari e a tutto il mondo del lavoro. Si tratta di una norma consociativa e clientelare che cerca di preparare la ristatalizzazione dell'Alitalia in casa del gruppo FS spostando i costi sull'INPS e su chi paga i contributi previdenziali. Per salvare l'Alitalia senza contraccolpi sociali, cioè senza vendere l'azienda, che è  oramai fuori mercato e che macina 1,2 milioni di perdite al giorno si estrae dal cilindro un ingiusto e sperequativo provvedimento  previdenziale.  La prassi degli anni '80 di rivitalizzare le imprese pubbliche inefficenti e i grandi gruppi industriali con i prepensionamenti è dura a maorire anche per il governo del"cambiamento". Aver scialaquato risorse pubbliche per tenere in vita aziende decotte  è una delle cause dell'enorme debito pubblico che ora stanno pagando le giovani generazioni e i più deboli.  Per dire basta agli aiuti mascherati ad Alitalia serve un referendum tra gli italiani.

Dario Balotta  presidente ONLIT (Osservatorio Nazionale Liberalizzazioni Infrastrutture e Trasporti)

Milano 28 ottobre 2018

349 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online