Mercoledì, 14 aprile 2021 - ore 18.47

PD Liguria.Referendum 4 SÌ PER DIRE NO

| Scritto da Redazione
PD Liguria.Referendum 4 SÌ PER DIRE NO

PD Liguria.Referendum 4 SÌ PER DIRE NO
Alla privatizzazione dell’acqua, al legittimo impedimento, al nucleare
IL PD DELLA LIGURIA SUI REFERENDUM DEL 12 E 13 GIUGNO 2011
Il 12 e 13 giugno prossimi gli italiani saranno chiamati ad esprimersi con un referendum su tre questioni molto importanti: l’acqua, il legittimo impedimento e l’energia nucleare, tema quest’ultimo che potrebbe essere escluso dalla consultazione referendaria dal recente voltafaccia del Governo, che ha completamente sconfessato il proprio indirizzo consolidato da anni e da sempre avversato dal PD, che, con questa abrogazione, può vantare una significativa vittoria politica.
Il Partito Democratico non ha promosso referendum, perché ritiene fondamentale ed urgente una profonda revisione di questo istituto, per restituirgli quell’efficacia come strumento di democrazia diretta rispetto alle grandi scelte del Paese che ebbe alle origini. Anche per un suo uso improprio, lo strumento referendario è infatti stato logorato negli anni dal mancato raggiungimento del quorum, che si conferma da 16 anni e per 24 quesiti.
Consapevole di questo grave indebolimento, il PD ha proposto una revisione profonda del referendum nel documento approvato dall’Assemblea Nazionale di Roma il 20 maggio 2010, i cui punti cardine sono: l’aumento del numero di firme necessarie per promuoverlo; l’anticipazione del giudizio della Corte Costituzionale sull’ammissibilità dei quesiti, per evitare la raccolta di firme per referendum poi non ammessi; l’abbassamento del quorum richiesto per la validità della consultazione, riferendolo alla
partecipazione al voto registrata nelle precedenti elezioni per la Camera dei deputati.
Ciò nonostante l’attuale campagna referendaria costituisce un'occasione di dibattito diffuso su temi molto
sentiti dalla pubblica opinione e in particolare dagli elettori del centrosinistra e del Partito Democratico.
Per queste ragioni il Partito si sta impegnando nella campagna per votare SÌ a tutti i quesiti.
Anche il PD della Liguria vuole contribuire a questo sforzo comune per sostenere il SÌ ai referendum. Lo
farà a tutti i livelli e con tutti gli strumenti di cui dispone. Lo farà per le ragioni che sono presentate nelle
tre brevi schede che seguono.
ACQUA PUBBLICA
Il Partito Democratico ha condotto una dura opposizione al disegno di privatizzazione forzata della
gestione dell’acqua imposto dal governo Berlusconi, approvato a colpi di fiducia con la falsa motivazione
di rispondere a un obbligo comunitario in realtà inesistente.
Le norme fatte approvare dal governo Berlusconi espropriano gli enti locali della loro autonomia e
responsabilità e li espongono al rischio di soccombere alla forza di monopoli privati in mano a poche
grandi aziende, spesso del tutto estranee ai contesti territoriali in cui viene svolto il servizio.
La privatizzazione forzata imposta dal governo è un disegno da contrastare con grande determinazione e
anche lo strumento referendario, ancorché non risolutivo per la sua natura abrogativa, costituisce
un’importante occasione per bloccare questa impostazione e per favorire un processo di riforma
complessiva del settore in grado di realizzare gli obiettivi irrinunciabili della tutela dell’acqua come bene
Direzione regionale
comune, dell’accessibilità per tutti, dell’equità delle tariffe, della qualità ed efficienza del servizio,
dell’uso razionale delle risorse idriche e di una loro gestione sostenibile, eliminando dispersioni, sprechi e
usi inappropriati.
Per questo il Partito Democratico ha presentato una propria proposta di legge, assumendo come principi:
la natura di bene pubblico della risorsa acqua e quindi la proprietà demaniale della risorsa e delle
infrastrutture; la gestione industriale del servizio idrico integrato; la necessità di una forte regolazione e
controllo pubblico sulle gestioni attraverso l’istituzione di un’autorità nazionale indipendente di
regolazione; il ruolo fondamentale delle Regioni e degli Enti locali nelle scelte di affidamento del servizio
idrico integrato nel pieno rispetto dei principi generali, degli standard di qualità, dei livelli minimi
essenziali fissati a tutela dell’interesse pubblico e dei diritti dei cittadini; la natura della tariffa come
corrispettivo del servizio idrico integrato da modulare con una tariffa sociale e con una tariffa che
incentivi il risparmio idrico; la necessità di vincoli chiari alla realizzazione degli investimenti necessari
per il miglioramento del servizio, con un impegno al riequilibrio territoriale per garantire lo stesso livello
di servizio in ogni area del Paese.
Il Partito Democratico è pertanto impegnato a sostenere la partecipazione alla consultazione referendaria
invitando a votare SÌ ai due quesiti sull’acqua pubblica, con l’obiettivo di fermare la privatizzazione
forzata imposta dal governo e rilanciare la battaglia per una riforma organica del settore idrico, che abbia
al centro i principi ispiratori della proposta di legge presentata dal Partito Democratico.
LEGITTIMO IMPEDIMENTO
La legge sul legittimo impedimento rappresenta l’ennesima legge cucita su misura del premier dagli
onorevoli avvocati che lo difendono nelle aule di tribunale al mattino e in quelle parlamentari al
pomeriggio. È l’ottavo caso di legge ad personam con effetti diretti sui procedimenti penali a carico del
premier. A questi sono ora da aggiungere il processo breve e la prescrizione breve, due norme ad
personam confluite nel testo di un’unica legge. 10 norme-fotografia in 10 anni. Il referendum offre la
possibilità di abrogarne una, mentre altre sono state dichiarate illegittime, in tutto o in parte, dalla Corte
Costituzionale, segno del vigore degli anticorpi presenti nell’ordinamento nel contrastare la deriva
democratica in atto.
Il legittimo impedimento rappresenta uno degli esempi più limpidi di leggi ad personam e costituisce:
- una lacerazione dell'equilibrio costituzionale tra i poteri;
- una rottura del principio di uguaglianza tra i cittadini di fronte alla legge (con questa legge la legge
non è uguale per tutti!)
La Corte Costituzionale, con la Sentenza 25 gennaio 2011, n. 23, ha riconosciuto la parziale illegittimità
costituzionale della legge sulla base di principi più volte enunciati dai parlamentari del PD nel corso del
dibattito parlamentare per l'approvazione della legge. L’approvazione del referendum spazzerà via del
tutto questa legge che pone un uomo al di sopra degli altri.
La posizione del PD non nasce da un approccio ideologico alle questioni giustizia, ma da motivazioni
concrete e razionali, coerenti con l'impegno e l'attività del Partito per l'elaborazione di un progetto di
ampio respiro per la riforma della giustizia, che affronti sia le questioni di attualità che investono la
giustizia penale, sia le vere e laceranti emergenze che riguardano soprattutto la giustizia civile.
Per queste ragioni votare SÌ al referendum significa esprimersi a favore dell’uguaglianza di tutti i cittadini
di fronte alla legge e contro ogni legge ad personam.
Direzione regionale
NUCLEARE
Al “netto” dell’ignobile teatrino messo in campo da questo Governo per eludere il referendum sul
nucleare, il Partito Democratico si è sempre chiaramente espresso in maniera contraria al piano sul
nucleare del governo Berlusconi.
In prima battuta abbiamo chiaramente manifestato la nostra totale perplessità rispetto al ricorso ad una
tale fonte di energia nella totale assenza di un Piano energetico nazionale, in cui i temi della produzione e
dei consumi energetici siano esaminati (prima) e orientati (poi) in un quadro strategico complessivo.
Nello specifico crediamo invece che quanto proposto dal Governo in materia di nucleare si basi su una
tecnologia vecchia e presupponga tempi lunghissimi di realizzazione degli impianti, che sarebbero
inaugurati già obsoleti; il tutto in assenza di un piano puntuale di gestione delle scorie radioattive,
comprese quelle già esistenti nelle centrali non ancora smantellate.
Un ritorno al nucleare con queste modalità è una scelta sbagliata anche dal punto di vista industriale
(inteso come ipotetica opportunità per il sistema-Paese), che non ha né ha mai avuto il consenso dei
cittadini.
Altri Paesi, che in passato hanno scommesso pesantemente sul nucleare, stanno peraltro ripensando
profondamente l’approccio alla tematica energetica in generale e a questa tecnologia in particolare,
certamente alla luce della tragedia del Giappone, ma soprattutto in relazione alle opportunità – forse
maggiori – che efficaci politiche di stimolo all’efficienza energetica e alla produzione da fonti rinnovabili
possono innescare.

 

 


 

 

 

 

 

1363 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

OSSARIO di CUSTOZA: DAL 21 APRILE 2018 APERTURA NUOVI SPAZI ESPOSITIVI E MULTIMEDIALI

OSSARIO di CUSTOZA: DAL 21 APRILE 2018 APERTURA NUOVI SPAZI ESPOSITIVI E MULTIMEDIALI

Prosegue il progetto permanente di valorizzazione del Sacrario Da anni l’Amministrazione Comunale di Sommacampagna si prodiga per il permanente e sempre maggiore sviluppo del compendio monumentale dell’Ossario di Custoza, il Sacrario che sulle nostre colline moreniche custodisce i resti, le memorie e la storia dei caduti delle 1^ e 3^ Guerre di Indipendenza del Risorgimento Italiano.
Mantova Fino al 19 aprile Terra del bello, arte del buono, rassegna gastronomica

Mantova Fino al 19 aprile Terra del bello, arte del buono, rassegna gastronomica

Buvoli e Boselli in Sala BonaffiniLa Strada dei Vini e dei Sapori Mantovani, con il supporto del Comune di Mantova propone “Terra del bello, arte del buono - Itinerari del gusto”, una rassegna gastronomica con menu a prezzo fisso fino al 19 aprile dal lunedì al giovedì (festivi esclusi) permetterà di gustare il meglio degli ingredienti della tradizione locale e valorizzare i ristoranti e i produttori che hanno deciso di aderire a questa particolare iniziativa.
Quattro buone notizie in arrivo per i Ponti sul Po tra Parma e Cremona.

Quattro buone notizie in arrivo per i Ponti sul Po tra Parma e Cremona.

Stipulato un protocollo tra Parma e Cremona, anticipando i tempi previsti dal Decreto. L’ing. Scaroni ha consegnato il progetto esecutivo per il Ponte Colorno – Casalmaggiore. Il 6 marzo alle 18, presso il Comune di Colorno verrà presentato il progetto e verranno fornite indicazioni sulla tempistica. A fine marzo la consegna del progetto per la ristrutturazione del Ponte tra Roccabianca e San Daniele Po.