Lunedì, 20 maggio 2024 - ore 14.58

Prefettura Cremona Truffa agli anziani il nuovo progetto del Comune

“Proteggere le fasce più fragili dei cittadini è un dovere e una priorità di tutte le istituzioni del territorio devono, ancora una volta, fare “squadra”

| Scritto da Redazione
Prefettura Cremona Truffa agli anziani il nuovo progetto del Comune

“IL GATTO E LA VOLPE DUE” – PROGETTO COMUNE DI CREMONA –TRUFFE AGLI ANZIANI –ANNUALITA’ 2023/2024.

 Nella mattinata odierna, nella sede del Palazzo del Governo di Cremona, il Prefetto, Corrado Conforto Galli, ha presieduto un Comitato provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica durante il quale è stato presentato il nuovo Progetto del Comune di Cremona, denominato “Il Gatto e la Volpe Due “ che , come seguito e integrazione di quello intitolato “Il Gatto e la Volpe” , riferito all’annualità 2022-2023, prevede, per gli anni-2023-2024, il prosieguo e l’implementazione di  iniziative mirate alla prevenzione ed al contrasto delle truffe perpetrate in danno degli anziani, finanziate per 16.670,13 Euro dal Ministero dell’ Interno, con risorse del “Fondo Unico di Giustizia” destinate a tutti i Comuni capoluoghi di provincia con popolazione numerosa.            

 Ritorna, dunque, il tema delle “truffe agli anziani” con una maggiore attenzione perché la pandemia ha messo ancor più in evidenza la fragilità di questa fascia della popolazione.

 Questo nuovo finanziamento offre all’Amministrazione comunale di Cremona la possibilità di verificare ed affrontare, in rete, le problematiche che vivono gli anziani e di comprendere come debbano cambiare le politiche attuative dal punto di vista amministrativo.

  Alla seduta di Comitato, erano presenti il Questore, Dott. Michele Davide Sinigaglia, il Comandante interinale dell’Arma dei Carabinieri, Tenente Colonnello Massimiliano Girardi e il Comandante provinciale della Guardia di Finanza, Colonnello Massimo dell’Anna.

 Per l’Amministrazione comunale di Cremona sono convenuti l’Assessore alla Sicurezza, Dott.ssa Barbara Manfredini e il Comandante della Polizia Locale, Dott. Luca Iubini che ha curato la stesura del Progetto, coordinandosi con l’Assessore alle Politiche Sociali di quell’Ente Locale, Dott.ssa Rosita Viola e con il Dirigente dei Servizi Sociali, Dott.ssa Eugenia Grossi, nella piena e consueta collaborazione con i competenti Uffici della Prefettura.

 Il documento rappresenta, come quello dello scorso anno, un altro “tassello” che compone il “Patto per la Sicurezza della Città di Cremona”, rinnovato, tra Prefettura e Comune, il 6 ottobre 2022, il quale prevede, nell’ambito delle strategie di prevenzione, interventi di carattere sociale come quelli oggi presentati, finalizzati, tra l’altro, a migliorare il livello di percezione di sicurezza nella comunità locale ed in particolare nelle fasce più deboli della cittadinanza, quali, appunto, gli anziani. (art.11 del “Patto”).

 Ancora una volta, siamo di fronte ad un vero e proprio esempio di convergenza istituzionale idonea a contrastare il fenomeno in argomento e ad offrire, alle potenziali vittime, appropriati strumenti di orientamento e di prevenzione.

 E’ indispensabile, in questo contesto, monitorare tutte quelle forme di microcriminalità che si consumano a danno di soggetti deboli, spesso in condizioni di solitudine e, per questo, ancora più indifesi ed a loro va riservata un’attenzione particolare, con riferimento, soprattutto, ai luoghi che frequentano.

 Ed infatti, le truffe -  occorre evidenziarlo -  non riguardano solo gli anziani, ma tutta una categoria fragile della popolazione, ovvero tutte le persone che, con delle difficoltà, vivono sole: si tratta, quindi, di una problematica presente anche nel territorio della Città di Cremona, seppur non in maniera marcata, connotata peculiarmente per una difficoltosa fase repressiva, attesa la scarsa propensione a denunciare ed a fornire riscontri investigativi alle Forze di Polizia.

 Le risorse messe a disposizione dal Ministero saranno utilizzate per potenziare diversi ambiti di intervento: dalle campagne informative agli incontri sul territorio, ovvero nei luoghi dove maggiormente si ritrovano gli anziani e/o le persone sole, con difficoltà, dalla formazione degli operatori di Polizia Locale all’azione di supporto da parte dei Servizi Sociali.

 Il Progetto del Comune di Cremona punterà, dunque, a prevenire e a ridurre i rischi ed i pericoli a cui sono esposti gli anziani attraverso interventi mirati di prevenzione e contrasto a questo genere di reati.

 Nel documento sono ricomprese, altresì, campagne di tipo informativo/divulgativo e formativo, nonché misure di “prossimità” ed interventi di supporto, anche psicologico, per scongiurare eventuali situazioni di rischio.

 Saranno approntate o potenziate, altresì, attività di front/back office con “punti di ascolto” per i cittadini anziani, anche acquisendo suggerimenti ed informazioni dalla popolazione e dalle ricerche dedicate alla casistica delle truffe più ricorrenti.

 Sarà, inoltre, perfezionata la preparazione degli agenti di Polizia Locale che presidieranno i luoghi particolarmente frequentati dagli anziani.

 Il Comune di Cremona provvederà, altresì, a mantenere alta l’attenzione sulla problematica con spot su emittenti televisive e social network, affissioni, pubblicità sui bus urbani e la distribuzione capillare di volantini e brochure, consentendo agli anziani, in particolar modo quelli che vivono soli, di avere sempre a portata di mano un’utile “guida”.

 Si prevede, infine, l’istituzione di uno “sportello” fisso presso il Comando di Polizia Locale ed uno “ sportello” mobile i cui operatori, assieme alla Polizia Locale ed ai Servizi Sociali del Comune , incontreranno a domicilio gli anziani allo scopo di fornire loro un supporto psicologico e legale in caso di truffe.

  “Proteggere le fasce più fragili dei cittadini è un dovere e una priorità al tempo stesso ed insieme tutte le istituzioni del territorio devono, ancora una volta, fare “squadra” a tutela delle categorie più esposte della popolazione, riservando un’attenzione particolare, in special modo, ai  nei luoghi che frequentano e garantendo loro una giusta inclusione nella società”. Questa è la sintesi della iniziativa di oggi, sia per il Prefetto che per l’Assessore alla Sicurezza del Comune di Cremona.

 

Palazzo del Governo,  25 luglio 2023

L’ Addetto Stampa

D’Acunzo

515 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online