Mercoledì, 24 aprile 2024 - ore 10.17

Referendum Lombardo 22 ottobre. I socialisti non partecipano al voto di Virginio Venturelli

Premesso che: il prossimo 22 ottobre si terranno due referendum identici in Lombardia e Veneto, entrambi le iniziative hanno degli obiettivi meramente politici, funzionali elettoralmente ai Governatori in carica, ma del tutto inadeguati, all’ottenimento di una maggiore autonomia regionale

| Scritto da Redazione
 Referendum Lombardo 22 ottobre. I socialisti non partecipano al voto di Virginio Venturelli

L’articolo 116 della Costituzione, vigente dopo la riforma del 2001, a cui i promotori fanno riferimento, non prevede  infatti, alcun referendum locale, anzi sottolinea  espressamente che eventuali nuove attribuzioni alle Regioni  possono essere affidate  solo  previa decisione  favorevole da parte  Parlamento nazionale.

Il quesito della consultazione, non specifica né le forme né le condizioni particolari dell’autonomia richiesta; in sostanza ai cittadini viene sollecitato di sostenere  l’incremento della gestione regionale delle attività, senza chiarire quali dovrebbero essere, diversi  sindaci PD della Lombardia hanno già annunciato che voteranno compattamente “si” al referendum, proprio come  gli amministratori della Lega, delle forze del centro destra e del Movimento 5 stelle. 

Tutto ciò premesso, la Comunità Socialista cremasco – cremonese, interviene  per esprime le proprie perplessità sulla operazione in corso, fortemente strumentalizzata e povera di contenuti, ritiene profondamente sbagliato accentuare un neocentralismo statale progressivamente  volto a  trasformare le Regioni da organi di legislazione, programmazione e indirizzo, come originariamente pensati, ad Enti  sempre  piu’ gestori dei servizi territoriali, segnala, con disappunto, nella proposta referendaria,  la mancanza di ogni razionale e generale idea di federalismo, per anni motivo di tante ed articolate discussioni, sostiene la necessità di rimettere al centro degli assetti locali locali, l’Ente Provincia, ovvero nuove aree vaste, aggregazione di Comuni, certamente più rispondenti e vicine ai  bisogni dei cittadini,considera urgente una vera e propria inversione di rotta, che prioritariamente  riduca  il numero ed il ruolo delle Regioni, anziché  quello  delle comunità locali,invita i cittadini  a  manifestare un motivato e marcato distacco dalle posizioni  assunte  dai Partiti  promotori e aderenti ad una iniziativa, smaccatamente  propagandistica e di palese tatticismo perché  tutti possano dichiararsi dei vincitori,sceglie, per le considerazioni sopra esposte, di non partecipare alla votazione referendaria, peraltro assai dispensiosa e solamente di valore consultivo,  in quanto del tutto inappropriata a produrre dei risultati efficaci  nello scardinato assetto delle Autonomie Locali, conseguente alla situazione comatosa in chi si trovano oggi le Province. stigmatizza l’abuso dello strumento referendario su questioni del tutto ordinarie per non svilirne la sua validità e importanza istituzionale.

Virginio Venturelli

Comunità  Socialista  Crema e Cremona

8 settembre 2017 

1528 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online