Sabato, 24 agosto 2019 - ore 20.24

Smuraglia (Anpi), Italicum e riforma Senato diminuiscono spazi di democrazia

Un intervento appassionato del presidente nazionale dell’Anpi, dal palco del XVII Congresso della Cgil

| Scritto da Redazione
Smuraglia (Anpi), Italicum e riforma Senato diminuiscono spazi di democrazia

“C’è sempre bisogno di difendere gli spazi di democrazia. Perché questi diminuiscono quando due persone estranee al Parlamento trovano un accordo sulla legge elettorale, imponendola poi ai relativi partiti. Una legge elettorale che è l’esatto contrario di quanto promesso per anni, che ancora una volta non dà la parola ai cittadini, non fa scegliere i propri rappresentanti, creando un Parlamento di nominati. Questa è cattiva politica, ed è anche riduzione degli spazi di democrazia”. Un intervento appassionato quello di Carlo Smuraglia, presidente nazionale dell’Anpi, avvocato ed ex senatore dei Democratici di Sinistra, dal palco del XVII Congresso della Cgil, apertosi oggi a Rimini. Un intervento centrato sulle declinazioni della parola “democrazia” e sugli assalti che essa sta subendo, che ha incontrato il favore della platea, che gli ha tributato un lungo e sentito applauso.

Dopo la bocciatura della legge elettorale avanzata dal governo, il cosiddetto “Italicum”, Smuraglia è passato all’esame della proposta di riforma del Senato. “Vi è sicuramente l’esigenza di differenziare il lavoro delle due camere, visto l’allungamento dei tempi che spesso comporta l’uguaglianza dei loro compiti, anche se altrettanto spesso questo ha comportato il miglioramento dei provvedimenti” ha detto. Ma la proposta in campo è un “mostriciattolo che svuota totalmente il Senato, facendo venire meno l’elettività, la funzione di rappresentanza delle autonomie locali, il ruolo di garanzia democratica”. Un risultato gravissimo, soprattutto se l’Italicum “verrà approvato con un forte premio di maggioranza per la coalizione vincitrice delle elezioni: avremmo allora una sola camera, con un’enorme maggioranza di governo, e questo in democrazia non è accettabile”. A questo si somma, inoltre, la volontà dell’esecutivo di “introdurre un nuovo istituto, quello della votazione a data certa dei provvedimenti del governo, dando così al governo il potere di decidere l’agenda del Parlamento, facendo praticamente scomparire ogni iniziativa di carattere parlamentare”.

Fonte. Rassegna sindacale

637 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Vittore Soldo (Pd) : Perché sosteniamo Mirko Signoroni, sindaco di Dovera alla Presidenza Provincia Cremona

Vittore Soldo (Pd) : Perché sosteniamo Mirko Signoroni, sindaco di Dovera alla Presidenza Provincia Cremona

In ragione di questi fatti e di queste domande vorrei anche esplicitare il motivo per cui il Partito Democratico ha scelto di sostenere Mirko Signoroni nella candidatura a Presidente della Provincia: al di la della già espressa volontà di allargare lo spettro di rappresentanza e di condivisione della visione si è cercato di ragionare sul profilo di una figura che riuscisse a dare una certa continuità d’azione all’ente e che non fosse di prima nomina, senza nulla togliere ai sindaci di prima nomina, ovviamente
L’ATTUALITA’ DI DON PRIMO MAZZOLARI, OGGI COME ALLORA PROFETA IN PATRIA| Giorgino  Carnevali

L’ATTUALITA’ DI DON PRIMO MAZZOLARI, OGGI COME ALLORA PROFETA IN PATRIA| Giorgino Carnevali

(Questa è politica da pattumiera. Se non la smettiamo tornando a misurare gli uomini per quel che valgono e le dottrine per quel che valgono, a breve saremo sommersi dalle nostre stesse vergogne…sono così semplici e così vere queste poche considerazioni che nessuno osa negarle. Anzi, non c’è partito che non le dichiari enfaticamente. Poi se ne scordano subito perché s’accorgono che non c’è tornaconto immediato…) (Mazzolari)
Le leggi vanno rispettate se sono giuste | DON ANGELO PICCINELLI Parroco di Soresina

Le leggi vanno rispettate se sono giuste | DON ANGELO PICCINELLI Parroco di Soresina

In questa lettera, pubblicata sul giornale La Provincia lo scorso 24 luglio, DON ANGELO PICCINELLI Parroco di Soresina risponde ad alcuni lettori che lo attaccavano per le sue “ prediche giornalistiche”. Dalla lettura esce uno spaccato molto interessante, da me condiviso, ovvero che le’ leggi vanno rispettate se sono giuste’. Forte e significativo il passaggio su Martin Luther King che avendo contestato le regole di allora oggi a New York ed in tutta l’America vi sarebbero ancora gli autobus per bianche e per neri. Da leggere red/welcr/gcst
In Italia siamo in 60milioni non in 55. E’necessario riprendere lo studio della geografia | Sergio Mantovani

In Italia siamo in 60milioni non in 55. E’necessario riprendere lo studio della geografia | Sergio Mantovani

L’errore nel comunicato dell’Istat consiste nel fatto che si scrive: «Il calo è interamente attribuibile alla popolazione italiana, che scende al 31dicembre2018 a55 milioni104milaunità», là dove per «popolazione italiana» si intende, appunto erroneamente, quella di origine italiana, una distinzione dettata dalla necessità di analizzare separatamente il diverso andamento della componente di origine straniera (che con i suoi 5,2 milioni di residenti porta il totale ai«consueti»60milioni abbondanti).