Lunedì, 14 ottobre 2019 - ore 02.44

Tutti Giù di Niccolò Castelli in concorso al Festival di Locarno

| Scritto da Redazione
Tutti Giù di Niccolò Castelli in concorso al Festival di Locarno

Yanick Cohades e Nicola Perot fanno la loro prima apparizione sul grande schermo in un ruolo da
protagonista nel film Tutti Giù in concorso al Festival del film di Locarno nella sezione Cineasti
del presente.
Primo lungometraggio del giovane regista ticinese Niccolò Castelli ed unico lungometraggio
svizzero di fiction in concorso al Festival del film di Locarno, Tutti Giù narra il passaggio
dall’adolescenza all’età adulta, la presa di coscienza di se stessi, la solitaria scelta di percorso fra
sogni e paure, successi e sconfitte.
Yanick Cohades incarna un giovane skater che trasuda vitalità ma che la vita metterà alla prova.
Un ruolo che unisce dramma e spensieratezza e per il quale Yanick Cohades ha eseguito lui stesso
tutte le scene in skateboard.
Nicola Perot interpreta un giovane graffitaro capace di comunicare con « l’esterno » unicamente
attraverso le sue opere, introspettive e cupe, ma che vedrà affacciarsi al suo piccolo universo fatto di
disegni e graffiti una ragazza solare ed appassionata di hockey.
Nel film i due giovani attori sono affiancati dalla sciatrice Lara Gut, grande talento dello sci
elvetico, che a soli 17 anni e mezzo è diventata l'atleta più giovane a vincere una gara di
supergigante e che recita per la prima volta in un film.
Originario di Nyon, il giovane attore franco-svizzero Yanick Cohades ha frequentato il
Conservatorio dell’Ovest vodese. Attualmente prosegue la sua formazione presso la Compagnia le
Studio e lavora come attore di teatro a Parigi.
Di nazionalità svizzera ed italiana Nicola Perot è cresciuto a Zurigo dove ha frequentato il Liceo
Artistico italo-svizzero. La sua carriera di attore inizia a teatro. Debutta sul grande schermo nel
2009, con il film Stationspiraten di Michael Schärer, miglior film svizzero nel 2010.
Il film Tutti Giù è prodotto da Villi Hermann per la Imagofilm Lugano, in coproduzione con la
RSI Radiotelevisione svizzera. È sostenuto da Ufficio federale della cultura, Fonds de production
télévisuelle, FilmPlus della Svizzera italiana, Repubblica e Canton Ticino, Città di Lugano, Succès
Passage Antenne, Percento culturale Migros, george foundation, Fondazione Ernst Göhner – Stage
Pool Focal, Fondation Suisa e Swisstransplant.
Il film sarà proiettato al Festival del film di Locarno alle date seguenti :
- Proiezione per la stampa : lunedì 6 agosto, 16.00, Kursaal (v.o. italiano, sottotitoli fr)
- Prima mondiale : martedì 7 agosto, 11.00, La Sala (v.o. italiano, sottotitoli fr e ing)
- Replica : mercoledì 8 agosto, 16.45, Rialto 3 (v.o.italiano, sottotitoli fr)
www.tuttigiu-film.ch - www.facebook.com/tuttigiufilm - www.imdb.com/title/tt2187161/
Imagofilm Lugano, viale Cassarate 4, 6900 Lugano, tel +41 91 922 68 31
www.imagofilm.ch - info@imagofilm.ch

Lugano, il 2 agosto 2012

5582 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Slovacchia Oscar 2018, selezionato Ciara come film candidato ufficiale della Slovacchia

Slovacchia Oscar 2018, selezionato Ciara come film candidato ufficiale della Slovacchia

Il film è ispirato al traffico di sigarette, oltre che di uomini e altro, al confine tra i due paesi nel 2007, poco prima che la Slovacchia entrasse nell’area Schengen, mentre diventavano più intensi i controlli alla frontiera orientale e il business dei criminali stava diventando più incerto. Scritto da Peter Balko (autore di Kandidat), il film ha nel cast nomi come Tomáš Maštalír, Emília Vášáryová, Andy Hryc e Stanislav Boklan.
DECALAMUS In tutta Europa il suono autentico e originale della tradizione

DECALAMUS In tutta Europa il suono autentico e originale della tradizione

Una proposta per spettacoli e concerti A caratterizzare l’approccio musicale del gruppo è la rigorosa attività di ricerca svolta sul campo e sulle fonti tradizionali, unita all’utilizzo di strumenti tradizionali quali zampogna, ciaramella, organetto, ocarina, chitarra battente, fisarmonica, flauti pastorali, tamburi a cornice, a cui si unisce una particolare cura per le voci, con la presenza di ben tre cantanti nella formazione.