Martedì, 16 agosto 2022 - ore 18.06

UCRAINA: GIALLO SUL RIGASSIFICATORE DI ODESSA

| Scritto da Redazione
UCRAINA: GIALLO SUL RIGASSIFICATORE DI ODESSA

Il rappresentante della compagnia spagnola Natural Gas Fenosa non è stato autorizzato a porre la firma sul contratto che stabilisce l'avvio della costruzione del terminale LNG ucraino. Le reazioni di Kyiv e il tumulto politico interno al campo governativo.

 

Un giallo tutto iberico-ucraino in una storia legata ad un progetto energetico di notevole importanza. Nella giornata di lunedì, 26 Novembre, il Ministro dell'Energia ucraino, Yuri Boyko ha firmato l'accordo definitivo per la costruzione di un terminale LNG a Odessa.

 

La costruzione dell'infrastruttura, progettata per immettere nel sistema energetico ucraino 10 Miliardi di metri cubi di gas liquefatto proveniente da Algeria, Libia, Egitto, Qatar ed Azerbaijan, è stata affidata ad un consorzio composto dalla compagnia USA Excelerate Energy e dalla spagnola Natural Gas Fenosa.

 

La compagnia spagnola, scelta da Kyiv per avere contribuito alla costruzione della maggior parte dei rigassificatori della Penisola Iberica, è stata rappresentata al momento della firma del contratto con il Governo ucraino da un suo rappresentante, Jordi Bonvehi.

 

Tuttavia, mercoledì, 28 Novembre, la Natural Gas Fenosa ha comunicato al Financial Times che Bonvehi non rappresenta l'azienda iberica, e, come riportato dalla Reuters, ha minacciato l'uscita immediata dal consorzio.

 

La notizia ha messo in allarme Boyko. Il Ministro dell'Energia ucraino ha dapprima riconosciuto come Bonvehi abbia preso parte a tutte le trattative e, successivamente, ha immediatamente chiesto spiegazioni al Capo dell'Agenzia per gli Investimenti Nazionali dell'Ucraina, Vladyslav Kaskiv.

 

Presto, il caso è diventato politico. Il rappresentante dell'Opposizione Democratica, Serhiy Soboliev, ha promesso un interrogazione parlamentare sull'assenza di trasparenza da parte del Ministro Boyko, del Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, e del Primo Ministro, Mykola Azarov.

 

A sgonfiare il caso è stato lo stesso Bonvehi, che, giovedì, 29 Novembre, all'agenzia UNIAN ha riconosciuto di non essere stato incaricato dalla Natural Gas Fenosa per la firma del contratto con il Governo ucraino.

 

A differenza dei rigassificatori progettati ed avviati in Unione Europea, il terminale LNG di Odessa è posseduto a maggioranza da privati, e solo il 25% dell'infrastruttura è controllato dal colosso nazionale ucraino Naftohaz.

 

La speranza del gas liquefatto per l'autonomia energetica ucraina

 

Il rigassificatore di Odessa è ritenuto dal Presidente ucraino, Viktor Yanukovych, un progetto fondamentale per assicurare all'Ucraina la diversificazione delle forniture di gas dal monopolio della Russia, con cui Kyiv è giunta ai ferri corti al momento del rinnovo dei contratti.

 

Dinnanzi al diniego di uno sconto sulle tariffe per le forniture di gas da parte del monopolista statale russo, Gazprom, l'Ucraina ha diminuito le importazioni di oro blu dalla Russia, ed ha aumentato l'uso di carbone e greggio.

 

Inoltre, il Ministro Boyko ha siglato contratti trimestrali per l'acquisto di gas - sempre proveniente dalla Russia - dalla compagnia tedesca RWE, trasportato in Ucraina da Ovest verso Est attraverso i gasdotti dell'Ungheria.

 

Matteo Cazzulani

1266 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria