Mercoledì, 18 settembre 2019 - ore 13.42

Un plauso a Pizzetti (Pd) che opta per la rinuncia dell’autostrada Cr-MN e alla riqualificazione della linea ferroviaria PR-BS

Egregio direttore, è sicuramente una bella notizia sapere che l’onorevole Pizzetti, e si spera con lui tutto il Pd cremonese, sembri ora convinto di due necessità.

| Scritto da Redazione
Un plauso a Pizzetti (Pd) che opta per la rinuncia dell’autostrada Cr-MN e alla riqualificazione della linea ferroviaria PR-BS Un plauso a Pizzetti (Pd) che opta per la rinuncia dell’autostrada Cr-MN e alla riqualificazione della linea ferroviaria PR-BS

Un plauso a Pizzetti (Pd) che opta per la rinuncia dell’autostrada Cr-MN e alla riqualificazione della linea ferroviaria PR-BS

Egregio direttore, è sicuramente una bella notizia sapere che l’onorevole Pizzetti, e si spera con lui tutto il Pd cremonese, sembri ora convinto di due necessità.

1) la riqualificazione della linea ferroviaria Parma-Brescia sia in chiave di trasporto merci (Tibre ferroviaria) sia per modernizzare il trasporto passeggeri, specie ora che Parma diventerà, tra meno di 2 anni, capitale italiana della cultura.

2) la riqualificazione della statale 10, Cremona-Mantova in luogo di una nuova devastante autostrada tra i due capoluoghi. Anche se non è chiaro come e perché testa e coda debbano essere a pagamento.

Altre forze politiche, purtroppo, rimangono ancorate a una vecchia concezione di mobilità, che passa per la distruzione dell’ultimo suolo libero della Lombardia. Però non mi tornano né il suo accenno alle ‘criticità ’ della Cremona-Mantova, comunque non della stessa portata della criticità del ponte di Casalmaggiore, e la forzatura sulla velocità media di percorrenza, anche perché in questo modo si torna a dare respiro alla voglia di un’autostrada.

Basta andare su Google Maps per vedere che, rispettando i limiti del codice e in auto (e non in bici), da Cremona (Casello A22) a inizio tangenziale di Mantova (prima e dopo è già città) la media è di 71,25 chilometri orari e non di 40). In ogni caso, sta bene la riqualificazione e messa in sicurezza della statale in luogo di una nuova autostrada. E’ evidente che dal 2002 ad oggi che ha fatto la differenza è stato il lavoro delle associazioni ambientaliste, la tenacia nel far crescere una nuova sensibilità e tenere aperta una nuova prospettiva, quella di una moderna mobilità senza devastare suolo fertile, paesaggio e le altre forme di vita.

Angelo Angiolini (Casalmaggiore)

822 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online