Giovedì, 06 agosto 2020 - ore 17.52

Una bella notizia Sanchez (Psoe) e Iglesias (Podemos) firmano accordo per governo progressista | G.C.Storti

‘En españa puedes’ Resta l'incognita dei numeri: Psoe e Podemos, insieme, arrivano solo a 155 seggi. Sarà un esecutivo che si reggerà sulle astensioni

| Scritto da Redazione
Una bella notizia Sanchez (Psoe)  e Iglesias (Podemos) firmano accordo per governo progressista | G.C.Storti

Una bella notizia Sanchez (Psoe)  e Iglesias (Podemos ) firmano l'accordo ‘en españa puedes’ | G.C.Storti

Resta l'incognita dei numeri: Psoe e Podemos, insieme, arrivano solo a 155 seggi. Sarà un esecutivo che si reggerà sulle astensioni

Il giornale online HUFFPOST dà la notizia che in Spagna  Sanchez ed  Iglesias hanno raggiunto l’accordo per la formazione di un governo progressista.

Una bella notizia che cerca di bloccare l’avanzata  delle destre di VOX e del  Partido Popular .

Secondo il giornale spagnolo  El Pais, il leader di  Podemos  sarà il vice  dei socialisti nel nuovo esecutivo. Il premier uscente ha affermato: “Sarà un governo progressista o niente. Un governo progressista, che comprende le forze progressiste, che lavori per il progresso”. E ancora: ”È un accordo per quattro anni, di legislatura. Sarà basato sulla coesione e la lealtà e aperto al resto delle forze politiche per costruire una maggioranza parlamentare”.

Sanchez e Iglesias si sono visti ieri sera in una riunione tenuta segreta durante la quale hanno raggiunto un patto per sbloccare la situazione recuperando, senza veti, i termini dei negoziati dello scorso luglio.

Però il Psoe e Podemos non raggiungono i 176 seggi ( assieme ne hanno 155). Ecco quindi che ci sarà la necessità di trovare altri voti nel parlamento spagnolo.

Ai 155 seggi potrebbe aggiungere i 3 di Mas Pais, la formazione di sinistra nata da una costola del partito di Iglesias, i 7 del partito nazionalista basco (Pnv) e altri tre di partiti nazionalisti minori. In questo modo si arriverebbe a quota 168, ancora insufficiente per ottenere la fiducia. Sanchez punterebbe, quindi, all’astensione dei 13 indipendentisti catalani e dei 5 di Eh Bildu. Ma, soprattutto per quanto riguarda i catalani, non è affatto scontato che ciò accada. Del resto, l’astensione degli appena 10 deputati di Ciudadanos non basterebbe per garantire a Sanchez l’inizio della sua nuova avventura da premier.

Insomma una situazione non facile per la democrazia spagnola.

Il governo progressista sarà un governo europeista  che dovrà affrontare i numerosi problemi sociali ed anche la grana della Catalogna.

Fonte :  https://www.huffingtonpost.it/entry/sanchez-e-iglesias-firmano-laccordo-per-il-governo-in-spagna-sara-progressista_it_5dcab62ae4b00927b239b221?utm_hp_ref=it-homepage

386 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online