Mercoledì, 20 marzo 2019 - ore 18.05

Viaggio nella Capitale Italiana della Cultura 2016

Una passeggiata sotto i portici, la sbrisolona di Piazza Sordello, le stanze affrescate di Palazzo Ducale e il parco di Palazzo Te: il profilo di Mantova che si staglia sulle acque del Mincio è un’immagine che non ti aspetti . ..

| Scritto da Redazione
Viaggio nella Capitale Italiana della Cultura 2016

Una passeggiata sotto i portici, la sbrisolona di Piazza Sordello, le stanze affrescate di Palazzo Ducale e il parco di Palazzo Te: il profilo di Mantova che si staglia sulle acque del Mincio è un’immagine che non ti aspetti e che affascina ad esempio chi arriva in treno da Verona. Una piccola perla poco nota a molti, quest’anno è Capitale della Cultura: una bella occasione per conoscere la città dei laghi, che è stata una delle culle del Rinascimento grazie al mecenatismo dei Gonzaga, e ospita opere importanti del Mantegna e alcuni dei più affascinanti gioielli architettonici d’Europa. Patria di Virgilio, a Mantova, sito del patrimonio mondiale Unesco, sono passati e hanno lasciato il segno geni della pittura e dell’architettura come Leon Battista Alberti e Giulio Romano, e di musica e letteratura come Claudio Monteverdi e Torquato Tasso.

 

L’Arcipelago di Ocno, una installazione galleggiante di Joseph Grima, è una delle mostre a tema sostenibilità ospitate dalla città lombarda: fino al 30 settembre i visitatori sono invitati, tramite una serie di laboratori, a costruire da zero l’arcipelago mantovano con materiali sostenibili e riciclati. Musica, teatro e performance artistiche saranno dedicate al lega profondo tra l’acqua e la città.

 

Il legame tra territorio e Mantova è elemento centrale anche del Parco dell’Arte, creato nel 2013: una collezione di installazioni si snoda tra i vari sentieri che si sviluppano tra la riva nord-est del Lago di Mezzo e la zona sud. L’arte sottolinea il valore naturalistico in modo sostenibile, integrandosi perfettamente nell’ambiente e rispettando la vegetazione, andando a creare così percorsi non invasivi.

Una città a misura d’uomo che da tempo crede nella sostenibilità e nell’innovazione: i grossi investimenti tecnologici hanno portato Mantova al quarto posto di Smart City , sottolineando il suo essere polo aperto e sostenibile, con una grande capacità di coinvolgere residenti e turisti. Un esempio è l’app Mantova Phygital City: un modo per esplorare la città unendo la dimensione fisica a quella digitale, con una particolare attenzione all’accessibilità. Non solo eventi e luoghi dedicati al turismo, ma anche servizi della pubblica amministrazione trovano spazio nella piattaforma.

Quindi non resta che informarsi a dovere, scaricare l’app e cominciare a curiosare tra il nutrito programma di eventi che animeranno Mantova nelle prossime settimane, tra mostre, visite guidate, cantieri aperti, cinema e musica.

Palazzo Ducale 

Mantova è stata la prima città a ricevere il titolo di Capitale Italiana della Cutlura in esclusiva. Nel 2015 il ruolo era stato condiviso da cinque città – Ravenna, Lecce, Siena, Perugia-Assisi e Cagliari – che avevano conteso a Matera (che poi ha vinto) il titolo di Città europea della cultura per il 2019.

942 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Emigrazione Una buona notizia per gli italiani nel mondo

Emigrazione Una buona notizia per gli italiani nel mondo

Il Centro documentale e archivistico dell’Emigrazione Lombarda è stato fondato dall’Associazione Mantovani nel Mondo Onlus (A.M.M. Onlus), sede operativa in via Mazzini 22 , 46100 Mantova , al fine di creare una rete documentale archivistica e multimediale, associata al Sito dei Mantovani nel Mondo (www.mantovaninelmondo.eu ) ed al Portale dei Lombardi nel Mondo ( www.lombardinelmondo.org ) allo scopo di dare un servizio alle comunità lombarde all’estero e a tutti coloro che siano interessati alla tematica dell’Emigrazione italiana e lombarda