Domenica, 17 novembre 2019 - ore 16.18

Vitalizi, pensioni d'oro, pensioni baby, pensioni retributive e pensioni contributive

| Scritto da Redazione
Vitalizi, pensioni d'oro, pensioni baby, pensioni retributive e pensioni contributive

Roma, 13 Marzo 2014. Per chi non lo avesse capito la strategia di attacco alle pensioni e' chiara da tempo. Si parte dai vitalizi dei parlamentari e dei consiglieri regionali sui quali l'attacco e' facile essendo brutti, sporchi e cattivi (chissa' chi li ha votati).  Poi si passa alle pensioni d'oro e, anche in questo caso, l'assalto e' agevole. Sara' poi la volta delle pensioni baby, che ci costano ogni anno 9,5 miliardi di euro, che suscitano sdegno. Si arriva, quindi, alle pensioni retributive, quelle calcolate mediamente sull'80% dell'ultimo stipendio, per poi finire a quelle contributive. Il sistema previdenziale complessivo costa 270 miliardi l'anno, cifra che fa impallidire quella dei vitalizi, ma e' una torta sulla quale la pala governativa puo' ricavare sostanziose porzioni.

Insomma, il sistema cosi' come e' non regge piu'. Da ricordare, pero', che i pensionati sono quelli che risparmiano e quindi investono (titoli di Stato, borsa, case, ecc.) e, spesso, sostituiscono lo Stato nell'assistenza a figli e nipoti.

Primo Mastrantoni, segretario Aduc

COMUNICATO STAMPA DELL'ADUC

Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

URL: http://www.aduc.it

Ufficio stampa: Tel.055290606 – Email: ufficiostampa@aduc.it

2014-03-13

712 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

BRUXELLES\ aise\ PRESENTATA LA RELAZIONE EUROPEA SULLA DROGA 2018

BRUXELLES\ aise\ PRESENTATA LA RELAZIONE EUROPEA SULLA DROGA 2018

Il Commissario europeo per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza, Dimitris Avramopoulos, e il direttore dell'Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT), Alexis Goosdeel, hanno presentato questa settimana la relazione europea sulla droga 2018, che fornisce un'analisi esaustiva delle ultime tendenze del consumo di droga nei 28 Stati membri dell’UE, in Turchia e in Norvegia.