Sabato, 21 settembre 2019 - ore 15.48

AISE BRUXELLES CRISI SIRIANA: DALL’UE PROGETTI PER 122 MILIONI A FAVORE DEI RIFUGIATI

Il Fondo fiduciario dell’UE ha adottato oggi progetti per un valore di 122 milioni di euro per sostenere l’accesso all’istruzione e all’assistenza sanitaria di base dei rifugiati e dei gruppi più vulnerabili a livello locale in Giordania, fornire mezzi di sostentamento in Turchia e mettere a disposizione servizi sanitari essenziali in Iraq.

| Scritto da Redazione
AISE BRUXELLES CRISI SIRIANA: DALL’UE PROGETTI PER 122 MILIONI A FAVORE DEI RIFUGIATI

AISE BRUXELLES CRISI SIRIANA: DALL’UE PROGETTI PER 122 MILIONI A FAVORE DEI RIFUGIATI

Il Fondo fiduciario dell’UE ha adottato oggi progetti per un valore di 122 milioni di euro per sostenere l’accesso all’istruzione e all’assistenza sanitaria di base dei rifugiati e dei gruppi più vulnerabili a livello locale in Giordania, fornire mezzi di sostentamento in Turchia e mettere a disposizione servizi sanitari essenziali in Iraq.

In considerazione dell'impatto persistente della crisi e a fronte degli attuali 5,6 milioni di rifugiati siriani, il Consiglio d’amministrazione del Fondo fiduciario ha confermato il proprio impegno a proseguire il sostegno ai rifugiati siriani e alle loro comunità d'accoglienza.

Con questo nuovo pacchetto, i fondi finora mobilitati dal fondo fiduciario regionale dell’UE in risposta alla crisi siriana salgono a un totale di 1,6 miliardi di euro. Ad oggi sono stati stipulati contratti per 55 progetti.

"Questi nuovi progetti faciliteranno l’accesso all’istruzione e ai servizi di assistenza sanitaria di base per le persone più vulnerabili, offriranno opportunità di sostentamento e miglioreranno i servizi di assistenza per le madri e i bambini”, ha spiegato Johannes Hahn, Commissario UE per la Politica di vicinato e i negoziati di allargamento. “L’UE è impegnata e determinata ad assistere le persone in stato di necessità e continuerà a sostenere i paesi partner che forniscono aiuti di base ai rifugiati".

Il nuovo pacchetto di aiuti da 122 milioni comprende tre azioni.

In particolare, 83 milioni di euro saranno destinati all’accesso all’istruzione e all’assistenza sanitaria di base, per sostenere i mezzi di sussistenza attraverso lo sviluppo del patrimonio culturale e per offrire opportunità di istruzione superiore ai rifugiati siriani e alle comunità vulnerabili in Giordania.

Altri 27 milioni serviranno a fornire opportunità di sussistenza nel settore dello sviluppo agricolo e mediante microprestiti, nonché protezione sociale e istruzione superiore per i rifugiati siriani e le comunità vulnerabili in Turchia.

Infine, 9,5 milioni di euro sono stanziati per rafforzare i servizi di assistenza fondamentali per le madri e i bambini, nonché per sostenere i mezzi di sussistenza attraverso lo sviluppo del patrimonio culturale all’interno dell’Iraq.

Nel corso della riunione del consiglio di amministrazione, la Germania, il Belgio, i Paesi Bassi, l'Austria e l'Estonia hanno assunto nuovi impegni per un totale di 28,4 milioni di euro. Dal canto suo, la Commissione si era già impegnata a stanziare nel 2019 almeno 220 milioni di euro a favore del Fondo fiduciario, in linea con l’impegno assunto a partire dalla conferenza di Bruxelles dell'aprile 2018 sul futuro della Siria e della regione.

Il pacchetto di assistenza è stato adottato dal Consiglio d’amministrazione del Fondo fiduciario dell’UE, che riunisce la Commissione europea, gli Stati membri dell’UE, i membri del Parlamento europeo e i rappresentanti dell’Iraq, della Giordania, del Libano, della Turchia e della Banca mondiale.

Il fondo Ue per la Siria

Sin dalla sua istituzione, nel dicembre 2014, è attraverso il Fondo fiduciario regionale dell’UE in risposta alla crisi siriana che viene fornita una quota crescente del sostegno dell’UE per aiutare i rifugiati siriani e sostenere i paesi confinanti con la Siria nel far fronte alla crisi dei rifugiati. Il Fondo rafforza la politica integrata dell’UE in materia di aiuti in situazioni di crisi, privilegiando la resilienza a lungo termine e le necessità urgenti (nel quadro del processo di ritorno alla normalità) dei rifugiati siriani, delle comunità di accoglienza e delle loro amministrazioni in paesi vicini come l’Iraq, la Giordania, il Libano e la Turchia.

Nel complesso sono stati mobilitati e impegnati 1,6 miliardi di EUR finanziati dal bilancio dell’UE e dai contributi di 22 Stati membri dell’UE e della Turchia. La quasi totalità dei fondi sono stati ad oggi già adottati dal Consiglio di amministrazione e convertiti in finanziamenti per progetti concreti volti ad aiutare sia i rifugiati che i paesi ospitanti.

288 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online