Venerdì, 27 gennaio 2023 - ore 15.57

AMBIENTE & VELENI, PEGGIORATA LA QUALITA’ DELL’ARIA

CODACONS: IL PROBLEMA E’ CHE I PUBBLICI POTERI SEMBRANO ESSERE SEMPRE PIU’ SGANCIATI DALLA REALTA’ DELLE PERCEZIONI DEI CITTADINI.

| Scritto da Redazione
AMBIENTE & VELENI, PEGGIORATA LA QUALITA’ DELL’ARIA

Gli europei sono preoccupati per la qualità dell’aria e hanno la diffusa sensazione che questa sia peggiorata. Il 47% degli intervistati ritiene che la qualità dell’aria in Europa sia peggiorata negli ultimi dieci anni. Un sondaggio speciale Eurobarometro pubblicato oggi evidenzia che gli europei sono preoccupati per l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute e l’ambiente. Ma quali sono i principali risultati dell’indagine? Fra gli europei c’è una diffusa preoccupazione per la qualità dell’aria e per l’impatto dell’inquinamento atmosferico sulla salute e l’ambiente. Gli europei in gran parte ritengono che le malattie respiratorie (89%), l’asma (88%) e le malattie cardiovascolari, che causano gravi problemi nei loro paesi, siano dovute all’inquinamento atmosferico. Sono preoccupati per i problemi ambientali causati nei corpi idrici dall’inquinamento atmosferico, come l’acidificazione e l’eutrofizzazione (83% per entrambe). L’acidificazione (l’acqua diventa più acida) e l’eutrofizzazione (quantità eccessiva di nutrienti presenti nell’acqua, con conseguente crescita eccessiva di alghe che soffocano altri organismi) sono tra le principali conseguenze del deterioramento della qualità dell’acqua. C’è una diffusa sensazione che la qualità dell’aria sia peggiorata. Quasi la metà degli intervistati ritiene che la qualità dell’aria sia peggiorata negli ultimi dieci anni (47%) anche se c’è un calo dell’11% rispetto al 2019. L’Eurobarometro rivela poi che i cittadini non dispongono di informazioni sui problemi di qualità dell’aria nel loro paese: la maggior parte non è sufficientemente informata in merito alle norme vigenti nell’UE, solo una minoranza degli intervistati (27%) ne ha sentito parlare. Nondimeno, tra gli intervistati che conoscono le norme dell’UE sulla qualità dell’aria, un’ampia maggioranza (67%) afferma che andrebbero rafforzate.

 

Codacons: “Si tratta di una percezione diffusa tra la popolazione europea, ma resta da chiedersi, sulla base di questi dati, quali sia lo stato dell’arte a livello di pubblici poteri sia in relazione ad una diffusione della conoscenza dei dati reali di inquinamento e delle normative comunitarie a tutela della salute pubblica sia in materia di politiche attive per la tutela della salute dei cittadini. Per informazioni sul tema, segnalazioni e per ricevere assistenza legale contattare il Codacons all’indirizzo codacons.cremona@gmail.com o al recapito 347.9619322”. 

231 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria