Martedì, 21 novembre 2017 - ore 07.21

Arrestati due cittadini Marocchini per rapina.

Grazie alla prontezza degli agenti della Squadra Volante, allertati da un collega non in servizio a cui la vittima aveva chiesto aiuto, nel giro di pochi minuti i due malviventi sono stati individuati e fermati nei pressi del comando della Polizia Locale

| Scritto da Redazione
Arrestati due cittadini Marocchini per rapina.

Nella nottata, gli equipaggi della Squadra Volante hanno eseguito un fermo di p.g. su disposizione della Procura di Varese, nei confronti di due cittadini magrebini che poco prima di mezzanotte, nel centro cittadino, hanno rapinato una giovane donna. In particolare i due, notando la giovane che da sola camminava nei pressi di piazza Beccaria, l’hanno avvicinata e, mentre uno l’ha minacciata con un coltello, l’altro le ha intimato di consegnare tutto il denaro che possedeva, pari a 30 euro.

Grazie alla prontezza degli agenti della Squadra Volante, allertati da un collega non in servizio a cui la vittima aveva chiesto aiuto, nel giro di pochi minuti  i due malviventi sono stati individuati e fermati nei pressi del comando della Polizia Locale.

Dai controlli effettuati e dalla perquisizione personale, gli stranieri, entrambi irregolari sul T.N. e dell’età di anni 23 e 26, al momento del fermo sono stati ritrovati ancora in possesso delle banconote rapinate ed immediatamente riconosciuti dalla vittima.

Proprio per questo, al termine degli accertamenti di rito, per i due improvvisati rapinatori si sono spalancate le porte del carcere “Miogni” di Varese.

448 visite

Articoli della stessa categoria

Esecuzione di due provvedimenti di allontanamento dalla casa famigliare e divieto di avvicinamento

Esecuzione di due provvedimenti di allontanamento dalla casa famigliare e divieto di avvicinamento

Nei giorni scorsi, personale della Polizia di Stato della Squadra Mobile, Sezione Reati contro la persona, della Questura di Varese ha proceduto all'esecuzione di due provvedimenti di allontanamento dalla casa famigliare e divieto di avvicinamento. Il primo caso riguarda un uomo di 45 anni residente nel capoluogo. Le indagini hanno avuto inizio nel febbraio di quest'anno, dopo che...