Martedì, 25 gennaio 2022 - ore 21.16

Autovelox a Crema Facciamo chiarezza di Gianluca Giossi (Pd)

Sulla questione dell'autovelox è bene fare un po' di chiarezza, in quanto se ne sta parlando troppo e spesso a sproposito. Soprattutto da parte di chi dovrebbe conoscere la materia, ma evidentemente fa finta di nulla.

| Scritto da Redazione
Autovelox a Crema Facciamo chiarezza di Gianluca Giossi (Pd) Autovelox a Crema Facciamo chiarezza di Gianluca Giossi (Pd)

Tutto parte dalla questione del limite dei 70 all'ora e dalla progettazione della tangenziale. Quando la tangenziale fu progettata e iniziarono i lavori, vi fu una forte polemica sollevata dalla Sinistra, allora all'opposizione. Il progetto infatti vedeva alcune criticità, tra cui la curvatura della strada che avrebbe imposto il limite che oggi conosciamo . Chi amministratava la città allora, la DC di cui facevano parte anche gli attuali consiglieri Beretta ed Agazzi, andò dritta per la sua strada. Il limite di  velocità di quel tratto di strada deriva quindi dal progetto di tangenziale approvato e realizzato, ed é stato imposto dall' ANAS fin dalla sua apertura al traffico.Chi ha un po’ di memoria ricorderà bene un gran numero di articoli che segnalavano la pericolosità del tracciato fin dalla inaugurazione (1993).La Provincia ha recepito l'ordinanza ANAS con proprio atto n.115/2003.E' strano ed un po’ assurdo che oggi proprio loro chiedano un limite diverso, essendo stati tra gli artefici che lo hanno determinato, approvando quel progetto. Nonostante ciò, come ha dichiarato il Sindaco Stefania Bonaldi, l'amministrazione comunale ha chiesto alla provincia di ipotizzare un limite diverso, ricevendo parere negativo proprio per le condizioni di pericolosità della strada.Per quanto riguarda invece l’installazione dell'autovelox, è bene ricordare che fu sempre il centrodestra il 4 marzo del 2008, con l'amministrazione Bruttomesso in cui il consigliere Beretta era assessore di spicco, a chiedere alla Provincia e al Prefetto di inserire il tratto di strada della tangenziale tra quelle "ove possibile utilizzare dispositivi o mezzi tecnici di controllo, finalizzati al rilevamento a distanza delle violazioni." A questa richiesta, il 14 maggio del 2008, la Prefettura emanò il decreto prefettizio con l'autorizzazione ad installare i dispositivi richiesti. E' evidente che se oggi esiste un limite dei 70 all'ora, ciò non è imputabile all'attuale amministrazione e che il posizionamento dell'autovelox è stato fatto soprattutto per l’iter già percorso dall'amministrazione di centrodestra che ci ha preceduto. Riteniamo che la sicurezza stradale sia un obbiettivo che tutte le amministrazioni dovrebbero perseguire, soprattutto per quelle arterie stradali, quali la tangenziale di Crema che presentano un’alta pericolosità, confermata anche dall’incidente odierno. Solo per questa ragione consideriamo positiva l’installazione dell’autovelox. Autovelox che la segnaletica verticale indica molto esplicitamente a chi percorre la tangenziale. A fronte di ciò, è importante informare i nostri concittadini su come vengono spesi i soldi delle multe, la cui somma, al netto della quota destinata alla Provincia, sarà interamente destinata ai lavori di manutenzione delle strade e a iniziative di sicurezza stradale.

Gianluca Giossi – capogruppo PD consiglio comunale Crema

1027 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria