Mercoledì, 22 gennaio 2020 - ore 09.46

Bersani scrive agli italiani nel mondo

| Scritto da Redazione
Bersani scrive agli italiani nel mondo

Appello di Bersani Lettera del Segretario del PD agli italiani nel mondo.
In queste settimane il mio pensiero è andato spesso agli italiani nel mondo. A chi quotidianamente tiene alto il buon nome dell’Italia con il suo impegno nel lavoro, con lo studio, nelle università o nei centri di ricerca, con le attività volontarie nelle missioni civili, religiose, militari e di cooperazione.
Proprio voi, oggi più che mai, state vivendo sulla vostra pelle le conseguenze sull’immagine del nostro Paese che hanno avuto le vicende personali del Presidente del Consiglio, vicende che hanno trovato ampio spazio e risonanza sui media internazionali.

Si tratta di una situazione insostenibile, che ammutolisce la voce dell’Italia nel mondo e la mette ai margini nel contesto internazionale, rendendo ancora più inefficace l’azione già debole del governo di centrodestra, che continua così a lasciare senza risposta i problemi del Paese, dei suoi cittadini in Italia e di quelli sparsi in ogni angolo del pianeta, in questi due anni e mezzo completamente ignorati e penalizzati dall’esecutivo.

Tutti coloro che, anche nel centrodestra all’estero, hanno a cuore il buon nome dell’Italia e i suoi interessi fondamentali, devono chiedere a Berlusconi di dimettersi, togliendo il Paese dall’imbarazzo e dal disagio non più sopportabile in cui l’ha costretto.

Per questi motivi, dunque, vi invito ad aggiungere la vostra firma di italiani all’estero a quelle di migliaia di cittadini in Italia che non accettano di essere messi alla berlina da un governo vergognoso e da un premier al tramonto. Questo è il testo dell’appello promosso dal Partito Democratico:

Berlusconi, lei è diventato un ostacolo alla riscossa dell'Italia

"Presidente Berlusconi, lei ha disonorato l'Italia agli occhi del mondo, non ha più la credibilità per chiedere agli italiani un impegno per il cambiamento e con la sua in capacità a governare sta facendo fare al paese solo passi indietro.
Lei dunque se ne deve andare via. L'Italia ha bisogno di guardare oltre, per affrontare finalmente i suoi problemi: la crescita, il lavoro, un fisco giusto, una scuola che funzioni, una democrazia sana.Noi dobbiamo dare una prospettiva di futuro ai giovani. Con la sua incapacità a governare e con l'impaccio dei suoi interessi personali lei è diventato un ostacolo alla riscossa dell'Italia.
Per questo presidente Berlusconi lei si deve dimettere. L'Italia ce la può fare, dispone di energie e di risorse positive. E' ora di unire tutti coloro che vogliono cambiare. E' ora di lavorare tutti insieme per un futuro migliore”.
 
Potete firmare sul nostro sito: www.pdmondo.it.
Firmate per cambiare l’Italia.
Grazie!

Pierluigi Bersani

------------

fonte: www.avvenirelavoratori.eu

1180 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

EGITTO, RAPPORTO DI AMNESTY SULLA PROCURA PER LA SICUREZZA DELLO STATO

EGITTO, RAPPORTO DI AMNESTY SULLA PROCURA PER LA SICUREZZA DELLO STATO

UN MINACCIOSO STRUMENTO DI REPRESSIONE In un nuovo rapporto sull’Egitto diffuso oggi, Amnesty International ha accusato la Procura suprema per la sicurezza dello stato - responsabile delle indagini sulle minacce alla sicurezza nazionale - di abusare regolarmente delle norme antiterrorismo per annullare le garanzie sul giusto processo e perseguire migliaia di persone che hanno criticato il governo in modo pacifico
EGITTO, ESAME PERIODICO UNIVERSALE ONU: AMNESTY VA DENUNCIATA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI

EGITTO, ESAME PERIODICO UNIVERSALE ONU: AMNESTY VA DENUNCIATA SITUAZIONE DEI DIRITTI UMANI

Alla vigilia dell’Esame periodico universale (Universal periodic review - Upr) cui l’Egitto si sottoporrà di fronte al Consiglio Onu dei diritti umani, Amnesty International ha chiesto alla comunità internazionale di pretendere l’immediato rilascio di manifestanti pacifici, attivisti e difensori dei diritti umani imprigionati nella spietata repressione che negli ultimi mesi ha portato in carcere oltre 3800 persone.
HONG KONG, AMNESTY INTERNATIONAL CRITICA I POTERI D’EMERGENZA

HONG KONG, AMNESTY INTERNATIONAL CRITICA I POTERI D’EMERGENZA

Il governo di Hong Kong ha annunciato l’intenzione di applicare - a partire dal 5 ottobre - una legge sui poteri d’emergenza, risalente al periodo coloniale, che vieta la copertura anche parziale del volto durante le manifestazioni pubbliche (salvo che per motivi di salute o di religione) e che autorizza le autorità a procedere ad arresti sommari e a limitare la libertà di espressione e di riunione pacifica.