Domenica, 14 luglio 2024 - ore 16.38

Castelletti: Brescia città della partecipazione e della 'democrazia orizzontale'

| Scritto da Redazione
Castelletti: Brescia città della partecipazione e della 'democrazia orizzontale'

La candidata sindaco Laura Castelletti nell'invitare alla presentazione del programma la cittadinanza il 26 aprile alle ore 18,30 all'Auditorium Balestrieri si è soffermata "sul ruolo attivo della coalizione e delle liste nella realizzazione del programma, liste nelle quali lavorano tanti presidenti e consiglieri dei Cdq. Una partecipazione che è sempre stata un tratto distintivo di questa amministrazione, infatti con l’istituzione a partire dal 2014 dei Consigli di Quartiere, il Comune di Brescia ha dato un segnale importante e sottolineato la volontà di rilanciare la rappresentanza e la partecipazione delle residenti e dei residenti alla vita politica della nostra città. La “Partecipazione” oltreché un diritto costituzionale dei cittadini, è un valore, irrinunciabile, di complemento della democrazia rappresentativa e volano della crescita civica e solidale della città". 

"Oggi la città di Brescia è rappresentata da 33 Consigli di Quartiere che sono la chiave del nostro sistema di partecipazione, assumono ruolo di “terminale” dell’amministrazione verso i cittadini: hanno funzioni di stimolo, consultazione, promozione sociale. Credo sia necessario dare la possibilità ai nostri Cdq di incidere sulla crescita della città, prevedendo risorse e strumenti ad hoc e soprattutto dotare tutti i Cdq di una propria sede. Non solo operativa, ma immaginata come la “casa del quartiere”, punto di riferimento “logistico e sociale” di tutto il quartiere.

Abbiamo dato vita anche a osservatori sull’ambiente, sull’acqua, sulla “Caffaro”, sulla “Ori Martin”, sul Termovalorizzatore, la Commissione Pari Opportunità, così come le varie Consulte cittadine: tutti strumenti che offrono alla cittadinanza la possibilità di “leggere”, con l’Amministrazione comunale aspetti cruciali della vita della città. Penso alla Consulta per la Pace o a quella sulle Religioni in una città che accoglie 146 nazionalità diverse e fa di Brescia una delle più grandi città, in percentuale, multiculturali del nostro paese. Dobbiamo continuare a valorizzare questi istituti di partecipazione".

"Oltre a questi organismi, ci sono anche i Punti Comunità che costituiscono oggi parte integrante del welfare cittadino. Lavoreremo per una maggiore sinergia tra Cdq e Punti comunità che identificano situazioni di fragilità sociale, in uno sforzo di tessitura di rapporti sociali e di cittadinanza che aiuta l’Amministrazione a leggere ed interpretare al meglio i bisogni dei quartieri, così come investiremo sempre più sulla progettazione partecipata che in questi anni ha dato grandi frutti (Via Milano, Campo Marte, Parco delle Cave, Il filo naturale). Urban Center verrà rafforzato per affiancare i cittadini e l’Amministrazione nella costruzione di tavoli di progettazione partecipata su dedicato alla trasformazione urbana. Credo che sia importante studiare e sperimentare nuove e più incisive forme di coinvolgimento dei consigli di quartiere attraverso il “bilancio partecipato”, mirato all’empowerment diffuso, a generare partecipazione e protagonismo, e il bilancio di genere come punto di partenza per riflettere su quali strategie mettere in atto per una maggiore uguaglianza di genere".

777 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria