Domenica, 25 luglio 2021 - ore 01.49

Certificato Covid digitale Ue: un mese prima della data prevista il gateway è già operativo in sette paesi

| Scritto da Redazione
Certificato Covid digitale Ue: un mese prima della data prevista il gateway è già operativo in sette paesi

La data di oggi segna un'altra tappa importante per il certificato COVID digitale UE: è infatti entrato in funzione il sistema tecnico predisposto a livello dell'UE per la verifica dei certificati in modo sicuro e nel rispetto della privacy. Il certificato UE, proposto dalla Commissione per poter riprendere a viaggiare in sicurezza quest'estate, sarà gratuito, sicuro e accessibile a tutti. Disponibile in formato digitale o cartaceo, servirà a dimostrare che una persona è stata vaccinata contro la COVID-19, che è risultata negativa al test o che è guarita da un'infezione.

In seguito all'accordo politico sul regolamento che disciplina il certificato, raggiunto il 20 maggio tra il Parlamento europeo e il Consiglio, oggi entra in funzione la struttura portante tecnica del sistema dell'UE. Predisposto in soli due mesi, il gateway dell'UE consente la verifica degli elementi di sicurezza contenuti nei codici QR di tutti i certificati, di modo che i cittadini e le autorità siano certi della loro autenticità. Nessun dato personale viene scambiato né conservato nel corso di tale processo. L'entrata in funzione del gateway completa i lavori preparatori a livello dell'UE.

Dal 10 maggio, 22 paesi hanno già testato il gateway con successo. Il regolamento sarà applicato dal 1º luglio, ma tutti gli Stati membri che hanno eseguito i test tecnici con esiti positivi e sono pronti a rilasciare e verificare certificati possono già iniziare ad usare il sistema su base volontaria.

Già oggi sette Stati membri – Bulgaria, Cechia, Danimarca, Germania, Grecia, Croazia e Polonia – hanno deciso di connettersi al gateway e hanno iniziato a rilasciare i primi certificati UE, mentre alcuni paesi attenderanno che tutte le funzionalità siano disponibili a livello nazionale prima di cominciare a rilasciare i certificati COVID digitali UE. Molti altri paesi aderiranno quindi nei prossimi giorni e nelle prossime settimane.

PROSSIME TAPPE

L'accordo politico del 20 maggio deve essere adottato formalmente dal Parlamento europeo e dal Consiglio. Il regolamento entrerà in vigore il 1º luglio, con un periodo di transizione di sei settimane per il rilascio dei certificati negli Stati membri che hanno bisogno di più tempo. Parallelamente la Commissione continuerà a fornire assistenza tecnica e sostegno finanziario agli Stati membri per poter usare il gateway.

Il gateway dell'UE, realizzato da T-Systems e SAP e ospitato presso il centro dati della Commissione in Lussemburgo, consente la verifica delle firme digitali contenute nei codici QR di tutti i certificati senza dover procedere al trattamento di dati personali. Le chiavi di firma necessarie per la verifica sono conservate sui server nazionali: attraverso il gateway, diventano accessibili alle app e ai sistemi nazionali di verifica in tutta l'UE.

La Commissione ha anche sviluppato il software e le app di riferimento per il rilascio, la conservazione e la verifica dei certificati, al fine di agevolarne il lancio su scala nazionale. Il software e le app sono pubblicati su GitHub e utilizzati da 12 Stati membri. (aise) 

164 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria