Sabato, 08 agosto 2020 - ore 07.11

CHE PIACERE L’AVER SAPUTO DELLA VOSTRA RICANDIDATURA, SINDACO GALIMBERTI (Giorgino Carnevali)

Ho una mia teoria, io. Se si mettono a raffronto i due rivali come faccia, come presenza, come eloquio, come cordialità, insomma come simpatia umana, non c'è dubbio che Charles Malvezzi ne ispira molto meno di John Luca Galimberti. Anzi, “sincèer per sincèer” non ne ispira. Punto.

| Scritto da Redazione
CHE PIACERE L’AVER SAPUTO DELLA VOSTRA RICANDIDATURA, SINDACO GALIMBERTI (Giorgino Carnevali)

CHE PIACERE L’AVER SAPUTO DELLA VOSTRA RICANDIDATURA, SINDACO GALIMBERTI (Giorgino Carnevali)

Ho una mia teoria, io. Se si mettono a raffronto i due rivali come faccia, come presenza, come eloquio, come cordialità, insomma come simpatia umana, non c'è dubbio che Charles Malvezzi ne ispira molto meno di John Luca Galimberti. Anzi, “sincèer per sincèer” non ne ispira. Punto.

Direttore d’un Gianni Carlo, amico mio, ci siamo, le comunali cittadine bussano alla porta. Ce n’è da vendere di notizie sui due rivali a sindaco, Galimberti e Malvezzi. A meno che, all’ultima ora, qualcun altro personaggio del centrodestra non voglia andare al massacro. 

 Tra sinistra mai al ribasso e destra priva di contenuti, non c’è storia. Per di più, il Malvezzi: “…ha una sola possibilità, riempire di contenuti convincenti la sua proposta elettorale”. Che non è un dettaglio di poco conto, lo sapete bene anche voi Gianni Carlo. Fino a ieri nel centro destra era buio pesto, di più, notte fonda. Poi, all’improvviso, dopo enormi patimenti, un sussulto di disperazione. Come a dire: “Piuttosto di niente l’è meglio piuttosto”. Dal cilindro fanno uscire Charles Malvezzi, minestra riscaldata, un film visto e rivisto con noia. Lo ricordo quale brava ed educata persona, di mestiere politico di lungo corso, eroico ma inutile.

Urbanisticamente parlando votato ad una “cementificazione d’assalto”, che toglie verde, vista ed aria. Sull’altra sponda John Luca Galimberti. Cum magno gaudio su di lui si deve ripuntare, e tutta la vita. Dalle nostre parti s’è notato che più di qualcuno soffre di  una fastidiosa “idiosincrasia cronica”, a prescindere, una sorta di avversione per situazioni e persone a lui non molto gradite, politicamente parlando.

Ed allora giù che al professore fanno passare brutti quarti d’ora, giù cazziatoni immeritati. Ma allora perché si ricandida? Lo fa apposta? Per attirarsi la considerazione degli altri somari? Perché impegnarsi vorrebbe dire tradirsi?  Dignità, capacità di mostrare il proprio volto emozionale, tanta passione, competenza. E poi attaccamento per il lavoro di amministratore, il tutto accompagnato da un infaticabile dinamismo degno di un coach.

Ognuno dei  suoi sostenitori sarà di certo importante, a patto che il giardino sotto casa, la nostra città, dovrà appartenere a tutti e non solo a pochi. E il risultato arriverà, perché sarà una riconferma nel segno della continuità.

Giorgio Carnevali (Cremona)

965 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online