Giovedì, 20 gennaio 2022 - ore 14.21

CO2, le emissioni globali già tornate vicino ai livelli pre-Covid

CO2, le emissioni globali già tornate vicino ai livelli pre-Covid

| Scritto da Redazione
CO2, le emissioni globali già tornate vicino ai livelli pre-Covid

Secondo lo studio “Global fossil carbon emissions rebound near pre-COVID-19 levels” appena pubblicato da un team di scienziati del Global Carbon Project, «Le emissioni globali di carbonio nel 2021 dovrebbero rimbalzare vicino ai livelli pre-Covid». Nel 20020 le emissioni di carbonio fossile sono diminuite del 5,4% a causa dei lockdown per il Covid-19, ma il nuovo rapporto prevede «Un aumento del 4,9% quest’anno (dal 4,1% al 5,7%) a 36,4 miliardi di tonnellate».Il 16esimo rapporto annuale del Global Carbon Budget si basa su metodologie consolidate in modo completamente trasparente. L’edizione 2021 è pubblicata come preprint ed è in fase di open review su Earth System Science Data.

Il folto team di ricercatori evidenzia che «Le emissioni derivanti dall’uso di carbone e gas sono destinate a crescere più nel 2021 di quanto non siano diminuite nel 2020, ma le emissioni derivanti dall’uso di petrolio rimangono al di sotto dei livelli del 2019». Per quanto riguarda i principali responsabili delle emissioni, «Le emissioni del 2021 sembrano tornare ai trend pre-Covid  di riduzione delle emissioni di CO2 per gli Stati Uniti e dell’Unione Europea e di aumento delle emissioni di CO2 per l’India. Per la Cina, la risposta alla pandemia di COVID-19 ha innescato un’ulteriore crescita delle emissioni di CO2, spinta dai settori dell’energia e dell’industria».

Il team di ricerca – che comprende l’Università di Exeter, l’Università dell’East Anglia (UEA), CICERO e la Stanford University – afferma che «Un ulteriore aumento delle emissioni nel 2022 non può essere escluso se il trasporto su strada e l’aviazione torneranno ai livelli pre-pandemia e l’uso del carbone sarà stabile».

Risultati preoccupanti che arrivano proprio mentre i leader mondiali si incontrano alla COP26 di Glasgow per affrontare la crisi climatica e cercare di concordare un piano d’azione per il futuro.

Ecco le stime sui principali emettitori di gas serra (i dati escludono il trasporto internazionale, in particolare l’aviazione):

  • Cina: +4% rispetto al 2020, raggiungendo il 5,5% al di sopra 2019, per un totale di 11,1 miliardi di tonnellate di CO2 , il 31% delle emissioni globali.
  • Usa: +7,6% rispetto al 2020, raggiungendo il 3,7% rispetto al 2019, per un totale di 5,1 miliardi di tonnellate di CO2, il 14% delle emissioni globali.
  • Ue-27: +7,6% rispetto al 2020, raggiungendo il 4,2% al di sotto 2019, per un totale di 2,8 miliardi di tonnellate di CO2, il 7% delle emissioni globali.
  • India: +12,6% rispetto al 2020, raggiungendo il 4,4% al di sopra 2019, per un totale di 2,7 miliardi di tonnellate di CO2, il 7% delle emissioni globali.

Il rapporto evidenzia che, per il resto del mondo considerato nel suo insieme, le emissioni di CO22 fossile rimangono al di sotto dei livelli del 2019 e che «Nell’ultimo decennio, le emissioni nette globali di CO2 dovute al cambiamento dell’uso del suolo sono state di 4,1 miliardi di tonnellate, con 14,1 miliardi di tonnellate di CO2 emesse dalla deforestazione e altri cambiamenti nell’uso del suolo e 9,9 miliardi di tonnellate di CO2 rimosse dalla ricrescita delle foreste e dal recupero del suolo . Le rimozioni da parte di foreste e suoli sono cresciute negli ultimi due decenni, mentre le emissioni dovute alla deforestazione e ad altri cambiamenti nell’uso del suolo sono rimaste relativamente stabili, suggerendo un recente calo delle emissioni nette dovute al cambiamento dell’uso del suolo, sebbene con una grande incertezza annessa».

Mettendo insieme le emissioni di CO2 da fonti fossili e il cambiamento netto dell’uso del suolo, le emissioni totali sono rimaste relativamente costanti nell’ultimo decennio, con una media di 39,7 miliardi di tonnellate di CO2 . Sulla base di questi risultati  il Global Carbon Project  prevede che «La concentrazione atmosferica di CO2 aumenterà di 2,0 parti per milione (ppm) nel 2021 per raggiungere una media di 415 ppm nel corso dell’anno, una crescita inferiore rispetto agli ultimi anni a causa delle condizioni di La Niña nel 2021».

I ricercatori stimano che «Per avere una probabilità del 50% di limitare il riscaldamento globale a 1,5° C, 1,7° C e 2° C, il restante “carbon budget” si sia ora ridotto rispettivamente a 420 miliardi di tonnellate, 770 miliardi di tonnellate e 1.270 miliardi di tonnellate, equivalente a 11, 20 e 32 anni ai livelli di emissioni del 2021».

Friedlingstein. Conclude: «Raggiungere emissioni net zero di CO2 entro il 2050 significa ridurre le emissioni globali di CO2 di circa 1,4 miliardi di tonnellate in media ogni anno. Le emissioni sono diminuite di 1,9 miliardi di tonnellate nel 2020, quindi, per raggiungere il net zero entro il 2050, dobbiamo ridurre le emissioni ogni anno di una quantità paragonabile a quella osservata durante il Covid. Questo mette in evidenza la portata dell’azione che è richiesta ora, e quindi l’importanza delle discussioni della COP26».

(Fonte Greenreport)

180 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria