Giovedì, 26 novembre 2020 - ore 13.30

Conte annuncia il nuovo Dpcm: ''Ecco cosa cambia''

Il presidente Giuseppe Conte ha annunciato in diretta il nuovo Dpcm con misure ancora più restrittive rispetto a quelle di pochi giorni fa

| Scritto da Redazione
Conte annuncia il nuovo Dpcm: ''Ecco cosa cambia''

“Il Paese non può permettersi un nuovo lockdown generalizzato”: Giuseppe Conte ha esordito così nella conferenza stampa in live streaming in cui ha annunciato le nuove misure restrittive in vigore dal 19 ottobre. Un nuovo Dpcm, che segue il precedente di pochi giorni fa “perché bisognava agire tempestivamente”, sottolinea il premier, “poiché la curva di contagi è critica”. La prima novità annunciata è la possibilità per i sindaci di chiudere vie e piazze in caso di assembramenti, mentre le scuole rimangono aperte, anche se per gli istituti superiori sarà consigliata la didattica a distanza o in orari scaglionati.

Sta generando un po’ di confusione, invece, la nuova misura relativa agli sport: sono salvi quelli professionistici, ha annunciato Conte, mentre viene vietato “lo sport di contatto a livello amatoriale e non sono consentite competizioni per attività dilettantistica di base”. In gergo sportivo, le attività dilettantistiche di base sono solamente quelle di avviamento alla disciplina, ma secondo alcune interpretazioni potrebbero essere inclusi anche i campionati di calcio a livello provinciale, ovvero Terza e Seconda Categoria. Salve, in sostanza, le categorie dalla Prima in su. Per le palestre, invece, ci sarà una settimana di tempo “per allinearsi ai protocolli di sicurezza”, ma anche qui ci sono notizie discordanti sulle norme da applicare.

Le attività di ristorazione – ristoranti, pub e bar – potranno aprire alle 5 del mattino e chiudere alle 24 se presente il servizio ai tavoli, altrimenti la chiusura è anticipata alle 18:00. Inoltre, “si potrà stare per un massimo di sei persone per singolo tavolo e tutti i ristoratori dovranno affiggere quante persone sono ammesse. Nessuna limitazione negli ospedali, negli aeroporti, lungo le autostrade“. Non manca, ovviamente, l’appello al buonsenso degli italiani: “La strategia non è e non può essere la stessa della primavera: in questi mesi abbiamo lavorato intensamente. Le misure più efficaci restano le precauzioni di base: mascherina, distanziamento e igiene delle mani. Facciamo attenzione nelle situazioni in cui abbassiamo la guardia, con parenti ed amici. In queste situazioni occorre massima precauzione”. “Il governo c’è ma ciascuno deve fare la sua parte”, conclude il premier.

372 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

Terremoto in Irpinia, i 90 secondi che cambiarono faccia alla Campania

Terremoto in Irpinia, i 90 secondi che cambiarono faccia alla Campania

Domenica 23 novembre 1980, alle 19:34, un sisma di magnitudo 6,9 gradi della scala Richter colpì i territori di Irpinia e Basilicata, causando quasi 3mila vittime. Furono rasi al suolo interi paesi e migliaia di case rimasero danneggiate. A decenni di distanza resta la memoria di una tragedia italiana e dell’incredibile speculazione degli anni della ‘ricostruzione’, mai completata e sulla quale molto incise la longa manus della camorra.