Domenica, 20 settembre 2020 - ore 01.04

Cremona 20 associazioni : stop fotovoltaico a terra

Ad un mese dall’annuncio della volontà da parte della Fondazione Città di Cremona e del Comune di Cremona di promuovere il progetto di installare alle porte della città una distesa a terra di pannelli fotovoltaici per coprire 15 ettari di suolo agricolo, non si registrano aggiornamenti.

| Scritto da Redazione
Cremona 20 associazioni : stop fotovoltaico a terra Cremona 20 associazioni : stop fotovoltaico a terra Cremona 20 associazioni : stop fotovoltaico a terra

Cremona 20 associazioni prendono posizione: stop fotovoltaico a terra

Ad un mese dall’annuncio della volontà da parte della Fondazione Città di Cremona e del Comune di Cremona di promuovere il progetto di installare alle porte della città una distesa a terra di pannelli fotovoltaici per coprire 15 ettari di suolo agricolo, non si registrano aggiornamenti.

Ci auguriamo sia in atto un periodo di riflessione da parte di tutti i soggetti istituzionali e politici coinvolti nella decisione. Noi ribadiamo la nostra netta contrarietà a questo progetto che non solo depauperebbe il nostro territorio, non solo sarebbe un vero scempio dal punto di vista paesaggistico e ambientale, non solo colpirebbe la credibilità delle imprese che sviluppano una tecnologia pulita e importante che non merita di essere abbinata a operazioni speculative, ma risulterebbe  un “precedente” grave perché avallato e sostenuto dalle nostre rappresentanze istituzionali pubbliche .

Siamo sostenitori dello sviluppo sostenibile, delle fonti rinnovabili e, in particolare, del fotovoltaico, ma il fotovoltaico va installato sui tetti, nelle aree dismesse, come del resto prevede e incentiva lo stesso Decreto ministeriale Fer 1.

Per questa ragione, ai primi di febbraio, le associazioni si ritroveranno per calendarizzare una serie di iniziative affinchè sia i consigliere comunali che tutta la cittadinanza siano informati sull’impatto rappresentato da questo progetto, valutando la normativa in vigore, i vincoli eventuali e l’iter burocratico necessario per la sua autorizzazione,  per accompagnarlo e contrastarlo con l’adozione di tutti quegli strumenti giuridici e partecipativi che la democrazia deliberativa consente ai cittadini.

---------------------

Luigi Armillotta, presidente “Passione per Cremona; Primula Bazzani, vicepresidente “Passione per Cremona; Michele Arisi, CreaFuturo per le energie rinnovabili; Bassano Riboni, WWF Cremona; Laura Rossi, Filiera Corta Solidale; Benito Fiori, AmbienteScienze; Pierluigi Rizzi, presidente Legambiente Cremona; Claudio Rambelli per Slow Food cremonese; Cristina Cavalli per DAS, Donne Ambiente Salute; Mariagrazia Bonfante, Valerio Gamba, Dina Rosa per Salviamo il Paesaggio cremonese, cremasco, casalasco; Matteo Lodigiani per Forum delle idee; Anna Delbarba per M.F.E. Movimento Federalista Europeo, sez. di Cremona; Michele De Crecchio, consigliere Italia Nostra, sez. di Cremona; Ilaria Visioli e Patrizia Carlini del comitato BiancoSpino; Rosolino Fiorini per Gruppo ecologico El Muroon; Cesare Vacchelli, coordinamento  No Autostrade Cr-Mn e Tibre; Ezio Corradi, No Triv Lombardia; Luigi Gardini per Noi, Ambiente, Salute di Viadana; Beppe Visioli, Vivambiente Onlus di Castelnuovo Bocca d’Adda; Michele Boato, presidente Ecoistituto Alex Langer; Marco Pezzoni per “ Almeno il 55% entro il 2030”, Campagna per la riduzione delle emissioni di CO2.

Allegati Pdf:

Allegato PDF 1

1241 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online