Lunedì, 02 agosto 2021 - ore 07.27

Darfur / Rinviato il referendum

| Scritto da Redazione
Darfur / Rinviato il referendum

Darfur / Rinviato il referendum
Il governo di Khartoum e lo Ljm, l'unico movimento ribelle del Darfur che sta partecipando ai colloqui di pace a Doha, in Qatar, il 26 giugno hanno concordato di posticipare di un anno il referendum sullo status amministrativo del Darfur, dopo la firma di un accordo di pace definitivo. La consultazione popolare era stata convocata per l' 1 luglio dal governo del presidente Omar el Bashir. «Abbiamo deciso di tenere il referendum un anno dopo la firma di un accordo di pace» ha confermato Tadjeldine Niam, portavoce del Movimento per la Giustizia e la Liberazione (Ljm), sottolineando che il risultato della consultazione «diventerà parte della Costituzione permanente del Sudan». Il governo centrale avrebbe promesso la vicepresidenza del paese a un darfuriano e si sarebbe impegnato ad accogliere alcune delle richieste dei gruppi armati.

Dai negoziati sono rimasti fuori il Movimento per la giustizia e l’uguaglianza (Jem) e il Movimento di liberazione del Sudan (Slm), i due principali gruppi ribelli del Darfur. Lo Slm ha avviato un processo di  riconciliazione con Minni Minnawi, leader di una fazione separatista che nel 2006 firmò ad Abuja un accordo di pace con Khartoum fallito a fine 2010, quando Minnawi è uscito dal governo e si è ricongiunto ai ribelli.

Scontri sul terreno. Sul terreno gli scontri proseguono e i bombardamenti dell’aviazione sudanese hanno colpito diversi villaggi del Darfur. Lo Slm guidato da Abdel Wahid Al-Nur ha accusato il governo di Khartoum di aver bombardato alcuni villaggi e di aver attaccato alcune postazioni via terra nella zona montagnosa del Jebel Marra, con una colonna di oltre 70 jeep armate. L'attacco via terra sarebbe stato preceduto da un bombardamento da parte di quattro aerei Antonov e di due elicotteri. Gli attacchi si sarebbero ripetuti anche nel Darfur occidentale.

Secondo i ribelli sarebbero morti 35 civili. Lo Slm ha chiesto alla comuntà internazionale di promuovere una zona di interdizione aerea. 

fonte:
Informazioni Campagna Sudan <info@campagnasudan.it>

1254 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

TRONDHEIM- È già presente sul web con una pagina facebook appena lanciata e si prepara a presentarsi dal vivo anche ai connazionali: parliamo dell’associazione “Italiani a Trondheim - Itat” nata – si legge sul sito web – per “perseguire le finalità di solidarietà civile, culturale e sociale volte alla promozione dell’integrazione e dell’aggregazione della comunità italiana a Trondheim e in Norvegia”.
AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

Il valore aggiunto dei Gruppi Europei di Cooperazione Territoriale (Gect) nella politica di coesione post 2020 è il tema al centro dei due giorni di lavoro che coinvolgeranno istituzioni europee e partner transfrontalieri partecipanti al progetto Fit4Co Fit for Cooperation e che si svolgeranno a Trieste oggi e domani, 11 e 12 aprile, nel salone di rappresentanza del palazzo della Regione Friuli Venezia Giulia in piazza Unità d'Italia.