Lunedì, 16 settembre 2019 - ore 03.57

Slovacchia, riapre dopo più sette anni il Ponte Vecchio di Bratislava

Ma solo per pedoni e ciclisti

| Scritto da Redazione
Slovacchia, riapre dopo più sette anni il Ponte Vecchio di Bratislava

Cinque mesi dopo la fine della ricostruzione, domani giovedì 19 maggio sarà finalmente riaperto il Ponte Vecchio di Bratislava, insieme alla vicina via Sturova, a pedoni e ciclisti. Questo è un primo passo, per arrivare alla inaugurazione ufficiale quando, a inizio luglio, attraverseranno il ponte anche i tram, che dalla Città Vecchia raggiungeranno di nuovo il quartiere di Petrzalka dopo cinquant’anni. Il ponte in ferro, il cui originale fu inaugurato da Francesco Giuseppe nel 1890, è stato il primo collegamento della città sul fiume Danubio. Interdetto al traffico auto il 31 dicembre 2008 a causa del suo cattivo stato, e chiuso definitivamente – anche al trasporto pubblico e pedonale – nel maggio 2010, i lavori di ricostruzione iniziarono lo stesso anno, mentre lo smantellamento della struttura centenaria prese avvio nel dicembre 2013 e si è protratta per oltre due anni anche a causa del ritrovamento di potenziali ordigni alla base dei pilastri al centro del fiume che hanno richiesto una prolungata indagine anche con strumentazioni sonar.

I ritardi hanno fatto rischiare al comune di Bratislava, committente dell’opera, la perdita di un grosso finanziamento con fondi dell’Unione europea, parti a 70 milini di euro. Per finire nei tempi massimi previsti, nel 2015 i turni di lavoro sono stati estesi alle 24 ore della giornata. Una prima inaugurazione è stata fatta nel dicembre scorso, ma per quella ‘vera’ si deve attendere ancora qualche settimana. Dopo alcune prove fatte recentemente, e una verifica definitiva entro fine mese, dal 1° luglio i mezzi della metropolitana leggera dovrebbero poter collegare piazza Safarik con la riva destra del fiume, inserendo di nuovo Petrzalka nella mappa delle linee tranviarie della capitale. Nel quartiere più popolato di Bratislava, per il momento solo ai suoi confini presso via Bosakova per poi estendersi nei prossimi anni più addentro all’abitato, saranno linee temporanee che avranno come terminali nell’area cittadina a nord del Danubio il quartiere Raca o la stazione ferroviaria principale.

Fonte: Buongiorno Slovacchia

1144 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

AISE NORVEGIA: NASCE L’ASSOCIAZIONE ‘ITALIANI A TRONDHEIM’ IL 3 GIUGNO LA PRESENTAZIONE

TRONDHEIM- È già presente sul web con una pagina facebook appena lanciata e si prepara a presentarsi dal vivo anche ai connazionali: parliamo dell’associazione “Italiani a Trondheim - Itat” nata – si legge sul sito web – per “perseguire le finalità di solidarietà civile, culturale e sociale volte alla promozione dell’integrazione e dell’aggregazione della comunità italiana a Trondheim e in Norvegia”.
AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

AISE ITALIA-AUSTRIA: A TRIESTE INCONTRO FRA PARTNER TRANSFRONTALIERI

Il valore aggiunto dei Gruppi Europei di Cooperazione Territoriale (Gect) nella politica di coesione post 2020 è il tema al centro dei due giorni di lavoro che coinvolgeranno istituzioni europee e partner transfrontalieri partecipanti al progetto Fit4Co Fit for Cooperation e che si svolgeranno a Trieste oggi e domani, 11 e 12 aprile, nel salone di rappresentanza del palazzo della Regione Friuli Venezia Giulia in piazza Unità d'Italia.