Martedì, 19 ottobre 2021 - ore 08.17

Ex Inam, mentre Perri attacca l'azienda ospedaliera, la Provincia non muove un dito

| Scritto da Redazione
Ex Inam, mentre Perri attacca l'azienda ospedaliera, la Provincia non muove un dito

E’ stupefacente che la maggioranza provinciale abbia respinto la presa di posizione e lo stesso Ordine del giorno finale presentato dai capigruppo di minoranza a seguito dell’iniziativa assunta da diverse migliaia di cittadini contro la chiusura del Poliambulatorio e del polo socio-sanitario di viale Trento e Trieste (ex Inam).

La maggioranza che governa la Provincia si è appiattita su una relazione dell’assessore Silvia Schiavi che dà l’esatta fotocopia delle affermazioni del Direttore generale, Mariani, rifiutandoci ogni possibilità di verifica. E’ sorprendente che il Comune di Cremona, per bocca del sindaco Perri, respinga invece la posizione del direttore dell’Ospedale in quanto inadempiente rispetto agli impegni a suo tempo assunti anche per il Polo universitario della sanità per il quale non si registra alcun impegno concreto.

Avevamo già riferito di questo argomento anche in relazione all’atteggiamento della precedente Giunta provinciale, la quale aveva sconsigliato una destinazione scolastica dell’immobile a causa degli enormi costi necessari alla sua riqualificazione. Risulta inoltre inadeguato il trasferimento negli angusti uffici di via Dante degli ambulatori.

E' difficile comprendere perché una semplice richiesta di verifica delle condizioni riferite dai responsabili delle realtà sanitarie cremonesi e non attuate abbia portato ad una difesa assurda ed a riccio di situazioni vivamente deplorate dallo stesso sindaco di Cremona.

 

I Capigruppo di minoranza in Consiglio Provinciale

 

Giuseppe Torchio, Andrea Virgilio, Clarita Milesi, Giampaolo Dusi

923 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria