Sabato, 23 giugno 2018 - ore 13.47

Ferrovie: paradosso Trenord, dopo Fs i treni li vuole comprare anche la Regione

Buonuscita da un milione di euro alla responsabile del disastro, l'ad Farisé.

| Scritto da Redazione
Ferrovie: paradosso Trenord, dopo Fs i treni li vuole comprare anche la Regione

La risposta negativa, indiretta, alla proposta delle FS di acquistare 150 treni per garantire un servizio di qualità in cambio della cessione dell’1% di Trenord, è arrivata ieri dal gruppo FNM. In un comunicato l’holding regionale rende noto di aver stipulato un contratto di finanziamento di 650 milioni con Cassa Depositi Prestiti per finanziare l’acquisto di 160 treni. Ora il paradosso è che la vecchia flotta la vogliono sostituire entrambi gli azionisti paritari di Trenord, la Regione e le Fs. Un nuovo frutto avvelenato del matrimonio bicefalo di otto anni fa. È come se i coniugi dopo aver vissuto in una casa senza letti decidessero di comprarne uno entrambi. L’evidente conflittualità tra i due azionisti, confermata dalle garanzie monopoliste e dagli affidamenti diretti della concessione, spiega lo stato di collasso permanente di Trenord fatto di soppressioni, ritardi, bassi standard di sicurezza e costi di gestione alle stelle. Collasso non più sopportabile per i pendolari, che relega i servizi ferroviari della Lombardia agli ultimi posti europei. Altro paradosso: in questo sbandamento totale della gestione ferroviaria l’ad Cinzia Farise’ rischia di percepire un milione di euro di buonuscita dopo tutti i danni che ha combinato.

Dario Balotta

Liberi e Uguali Lombardia

177 visite

Articoli della stessa categoria

Come valutare la qualità di un master universitario

Come valutare la qualità di un master universitario

La preparazione post-universitaria rientra nell’ambito della formazione avanzata pre-professionale. A livello di studi essa garantisce delle opportunità migliori per entrare nel mondo del lavoro, e un livello di conoscenza e apprendimento che per qualità e quantità si eleva rispetto alla normale laurea specialistica. Per questo motivo, oggi più che mai, in situazioni di crisi economica e di rilassamento del mercato del lavoro, è quanto mai opportuno valutare la frequentazione di un master.