Mercoledì, 15 luglio 2020 - ore 19.05

Fiom: possiamo vincere la vertenza Fiat

| Scritto da Redazione
Fiom: possiamo vincere la vertenza Fiat

Fiom: possiamo vincere la vertenza Fiat
Il segretario Landini lancia una raccolta di firme e una sottoscrizione straordinaria: "Ce la possiamo fare anche con lo sciopero generale". Confermato no all'accordo qualunque sia il risultato del referendum. Appello al Pd: "Prenda una posizione univoca"
di rassegna.it

"Uniti ce la possiamo fare" è il titolo della raccolta di firme lanciata dalla Fiom in tutti i luoghi di lavoro e nel paese a sostegno della vertenza Fiat. Lo annuncia il leader delle tute blu Cgil, Maurizio Landini, in una conferenza stampa tenuta oggi (lunedì 10 gennaio) a Roma. "Questa nostra iniziativa - spiega - è aperta a chiunque voglia dire insieme a noi che non è accettabile la violazione dei contratti nazionali e della Costituzione, c'è un legame con le iniziative degli studenti".

La Fiom lancia anche una sottoscrizione straordinaria "di sostegno alle nostre lotte, che hanno un costo", aggiunge Landini: "Abbiamo quasi 370mila iscritti - precisa il sindacalista - e ogni lavoratore versa l'1% mensile di quello che percepisce. L'appello lo lanciamo a chiunque pensi che difendere i diritti dei metalmeccanici significa difendere i diritti di tutti i lavoratori".

Quanto all'incontro di domenica con la Cgil, "abbiamo valutato insieme che a rischio c'è l'esistenza stessa del sindacato confederale nel paese". Da quell'incontro, aggiunge Landini, "è emerso con chiarezza" che sia la Fiom sia la Cgil giudicano "non accettabili" gli accordi di Mirafiori e di Pomigliano. "Quell'accordo non è firmabile - insiste - qui i referendum si fanno solo se li chiede Marchionne. Qualunque sia l'esito, lo diciamo subito, noi non firmeremo".

"La vertenza Fiat è assolutamente aperta e può essere vinta". Questo un altro passaggio della conferenza di Landini. A suo giudizio, la situazione "può essere risolta positivamente e lo sciopero generale dei metalmeccanici va in questo senso".

La Fiom chiede al Partito democratico di prendere posizione. Oggi Landini incontrerà il segretario, Pier Luigi Bersani. "Ci aspettiamo che ci ascolti, che rifletta e che sia rispettoso delle nostre posizioni - dichiara -. Ci aspettiamo che il Pd prenda una posizione univoca". Infine il segretario fornisce alcuni dati per fare chiarezza. Dall'accordo di Pomigliano ad oggi la Fiom ha firmato oltre mille intese per più di 230mila lavoratori. Viene quindi smentito il luogo comune di un sindacato "che dice solo no". Tra le firme citate dal sindacalista ci sono quelle per Lamborghini, Ferrari, Ilva Taranto, Indesit.

Da giugno 2010 ad oggi, le elezioni Rsu hanno coinvolto più di 30mila lavoratori. "La Fiom passa dal 61,7% al 66,6%, aumentando voti e delegati - conclude -. La Fim passa da 21,7% a 18,3%, Uilm dal 13,2% al 10,7%, gli altri dal 3,2% al 4,2%". Insomma, le categorie di Cisl e Uil "hanno perso voti, noi aumentiamo il consenso dove si vota liberamente".

fonte: http://www.rassegna.it/articoli/2011/01/10/70178/fiom-possiamo-vincere-la-vertenza-fiat

1122 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria