Venerdì, 12 agosto 2022 - ore 14.14

GAS: LA TAP PROGETTO DI INTERESSE NAZIONALE IN ALBANIA

| Scritto da Redazione
GAS: LA TAP PROGETTO DI INTERESSE NAZIONALE IN ALBANIA

Il Governo albanese supporta il Gasdotto Trans Adriatico come priorità per l'indipendenza energetica della nazione. Il gasdotto farà dell'Italia l'hub in Europa del gas dell'Azerbaijan

 

La trasparenza e la consultazione con i territori è una strategia che paga. Nella giornata di mercoledì, 25 Dicembre, l'Albania ha concesso lo status di progetto di interesse nazionale al Gasdotto Trans Adriatico - TAP.

 

Come riportato dall'autorevole Trend, la decisione è stata presa di persona dal Primo Ministro albanese, Sali Berisha, dopo che il consorzio deputato alla costruzione della TAP ha terminato consultazioni con le comunità dei territori in cui è prevista la costruzione della sezione di 209 chilometri del gasdotto.

 

Soddisfazione è stata espressa dal Direttore Generale della TAP, Kjetl Tungland, che ha sottolineato come il consorzio deputato alla costruzione del gasdotto lavorerà fianco a fianco con le Autorità di Tirana affinché il progetto possa garantire al più presto la sicurezza energetica dell'Albania.

 

Il pieno sostegno politico dell'Albania alla TAP è da considerarsi come estremamente positivo anche per l'Italia, in quanto il Gasdotto Trans Adriatico è progettato per veicolare 21 miliardi di metri cubi di gas all'anno dal confine tra Grecia e Turchia, attraverso il territorio albanese, fino in Puglia.

 

Con la realizzazione della TAP, compartecipata dal colosso norvegese Statoil, dalla compagnia svizzera Axpo, e dalla tedesca E.On, l'Italia diventerà l'hub di distribuzione dell'oro blu di Azerbaijan in Europa, rafforzerà la sua posizione politica in seno all'Unione Europea, e creerà posti di lavoro in un momento di crisi occupazionale ed economica.

 

Chi ha compreso l'importanza della TAP è stato il Governo tecnico di Mario Monti. Nel Settembre 2012, il Ministro dello Sviluppo Economico, Corrado Passera, con la firma di un documento ufficiale, ha concesso al Gasdotto Trans Adriatico il sostegno politico dell'Italia.

 

Sul piano economico, interesse a rilevare quote della TAP è stato espresso anche dalla seconda compagnia energetica italiana, Enel.

 

Sostenitrice della TAP è anche la Grecia, che il 19 Dicembre ha avviato le procedure per la firma dell'Accordo Governativo per la realizzazione dell'infrastruttura.

 

Un gasdotto per l'indipendenza energetica dell'UE

 

La TAP rientra nel Corridoio Meridionale: fascio di gasdotti sostenuto dalla Commissione Europea per veicolare direttamente in Europa gas dall'Azerbaijan e limitare la dipendenza dell'Unione Europea dalle forniture della Russia, che ad oggi coprono il 40% del fabbisogno complessivo UE.

 

Oltre all'Enel, anche il colosso britannico British Petroleum ha espresso interesse a rilevare importanti quote nel progetto.

 

Inoltre, la TAP ha siglato un accordo di cooperazione con il consorzio deputato allo sfruttamento del giacimento di Azerbaijan Shakh Deniz - compartecipato dal colosso azero SOCAR, British Petroleum, Statoil, dalla compagnia francese Total, dalla turca TPAO, e dalla russo-italiana LukAgip - da cui è previsto il rifornimento di gas per il funzionamento del Gasdotto Trans Adriatico.

 

Matteo Cazzulani

962 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria