Mercoledì, 14 aprile 2021 - ore 18.30

Governo.Le cinque sconfitte in Aula

| Scritto da Redazione
Governo.Le cinque sconfitte in Aula

Le cinque sconfitte in Aula
Dopo la scoppola elettorale il governo tracolla alla Camera
La prima seduta parlamentare dopo la scoppola delle elezioni amministrative è stata un disastro per il Governo che è stato battuto per ben cinque volte consecutiv : quattro sulle mozioni sul sovraffollamento delle carceri, una volta su un ordine del giorno alla ratifica della Convenzione di Oslo sulla messa al bando delle munizioni a grappolo. E' la dimostrazione di un governo e di una maggioranza allo sbando, dall'inizio della legislatura il Governo è stato battuto per sessantasette volte. La squallida campagna acquisti che il presidente del consiglio ha messo in atto negli ultimi mesi per 'arricchire' la maggioranza parlamentare, avrà forse permesso di galleggiare, ma adesso il segnale è chiaro: ogni voto sarà un problema. Ed il prezzo da pagare sarà di volta in volta più alto. Senza esagerare potremmo dire chiusa questa esperienza di governo. I numeri non permettono alcun progetto di cambiamento né la tanto annunciata stagione delle riforme. La Lega è insofferente e ha detto chiaramente che non vuole affondare insieme al presidente del Consiglio. I ballottaggi a Milano, a Napoli e in molte altre città italiane assumeranno adesso ancora di più un valore politico. Sconfiggiamoli nelle città per batterli in tutto il paese.

1209 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica. In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022 L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica.