Domenica, 12 luglio 2020 - ore 08.01

In Italia nasce la banca degli alberi. Presto mini-referendum urbani sull’abbattimento di alberi per motivi strutturali

Costa: ''Accordo con gruppi Bancari'' e Italia tra i primi finanziatori del green wall in Africa

| Scritto da Redazione
In Italia nasce la banca degli alberi. Presto mini-referendum urbani sull’abbattimento di alberi per motivi strutturali

Oggi, intervenendo alla presentazione di “M’illumino di meno”, in programma il 6 marzo, il ministro dell’ambiente Sergio Costa ha annunciato che «Stiamo costituendo, primi al mondo, una banca per gli alberi, chiedendo al sistema bancario di finanziare, insieme al Ministero, la piantumazione di alberi in Italia. L’alta finanza deve iniziare a scendere in campo al fianco dei cittadini, lo vuole fare, e abbiamo già costituito un gruppo di lavoro con loro».

Costa ha sottolineato che «I mutamenti climatici ci aggrediscono, ma l’Italia è in prima linea. Siamo anche tra i primi finanziatori del “green wall”, il muro verde nell’Africa sub sahariana: 8 mila chilometri di deserto, una muraglia verde che attraverserà venti Paesi, nel cui territorio interverremo insieme alle Nazioni Unite piantando non meno di due miliardi di alberi, per restituire un clima diverso».

Costa ha poi ricordato che nella legge clima è prevista una norma sulla riforestazione comunale: «Oggi ogni Comune può, con i fondi delle aste verdi, che i grandi inquinatori pagano per compensare dal punto di vista ambientale territori e cittadini, piantumare alberi. La riforestazione urbana è legge dello Stato, finanziata dal Ministero dell’ambiente».

Il ministro ha anche annunciato che a breve arriverà la firma delle «nuove linee di indirizzo sul verde urbano, che daranno la possibilità ai cittadini, ove i Comuni aderiscano, di partecipare al processo decisionale per la sostituzione degli alberi che vengono rimossi per motivi strutturali o per l’esistenza di una patologia, attraverso dei mini-referendum urbani».

Il ministro dell’ambiente ha concluso con un cenno sull’importanza della formazione in materia di ambiente: «La Rai è informazione e formazione ambientale e sono fiero di annunciare che da settembre la formazione ambientale entrerà nelle nostre scuole. Siamo il primo Paese al mondo a prevederlo, è un orgoglio italiano che voglio reclamare ad alta voce».

385 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria