Domenica, 25 settembre 2022 - ore 01.48

Incontro dell'assessore Bordo con Fiab

Il resoconto dell'incontro avvenuto tra l'assessore alla Mobilità Franco Bordo e i vertici di Fiab Cremasco. Oltre a una dichiarazione nel merito del sindaco Fabio Bergamaschi.

| Scritto da Redazione
Incontro dell'assessore Bordo con Fiab

Un pacchetto di richieste sul quale aprire il confronto, presentato dalla sezione di Crema di Fiab (Federazione italiana ambiente e bicicletta) all'assessore alla Mobilità Franco Bordo nel corso dell'incontro avvenuto nei giorni scorsi.  

Sul tavolo da parte di Fiab sono state messe diverse proposte, accomunate dall'obiettivo di "migliorare l'ambiente e la mobilità sostenibile nella città di Crema". Obiettivo condiviso dall'assessore. Si va al riguardo dall'ipotizzata pedonalizzazione di altri spazi urbani per finire alla realizzazione di nuove piste ciclabili.

 Fiab Cremasco, al termine del confronto, ha espresso soddisfazione "per l'attenzione – ha rimarcato Claudio Paesetti - e la condivisione di quasi tutte le proposte avanzate". Aggiungendo che lo scopo “è  di avviare una intensa collaborazione con incontri periodici in modo da mantenere alta l’attenzione sulla tutela dell’ambiente e la promozione della mobilità sostenibile”.



Nel dettaglio, partendo dalla richiesta di Fiab di riservare ai soli pedoni e ciclisti piazza Giovanni XXIII. L'assessore Franco Bordo, senza entrare nello specifico, ha evidenziato che una simile eventualità rientrerebbe in una valutazione estesa a più parti della città. Un ragionamento che, in tutti gli ipotetici casi, necessiterebbe comunque di essere accompagnato da studi di fattibilità, considerando la complessità dei progetti e le implicazioni/ripercussioni  che nel caso potranno avere.

Altro punto, la realizzazione di una pista ciclabile in via IV Novembre. Il suggerimento che arriva da Fiab è di ricavare lo spazio riducendo la carreggiata esistente. "A questo intervento - è l'aggiunta fatta da Fiab - consegue l’esigenza di creare un percorso ciclabile in via Viviani in modo da connettersi con via Libero Comune".

E ancora "la realizzazione di una pista ciclabile nelle vie Stazione e Mercato in modo da connettere viale De Gasperi al viale Santa Maria della Croce", cerando in tal modo un anello interno al tessuto urbano. L’introduzione, sempre contenuta nel capitolo richieste, di un senso unico in via Brescia in modo da ricavarne un percorso ciclabile che si connetta direttamente alla ciclabile per Offanengo. L’assessore Franco Bordo ha preso nota e informato che alcune delle richieste avanzate saranno condivise con l’assessore ai Lavori pubblici e Viabilità Gianluca Giossi e successivamente poste all’attenzione della giunta municipale.



Infine Fiab chiude con la richiesta di prendere in considerazione la possibilità di estensione delle zone con limite di velocità fissato a 30 chilometri l’ora (incassando l’ok di massima da parte dell’assessore) e chiede l’adozione del regolamento del verde e la pubblicazione online del censimento arboreo.

Al riguardo l’assessore Franco Bordo ha riferito che il censimento sarà reso pubblico nell’autunno di quest’anno anche attraverso una serie di eventi di sensibilizzazione sul tema. E che l’anno prossimo verrà realizzato il piano del verde quale strumento di indirizzo per una gestione migliore.



“Il Piano d’azione suggerito da Fiab – commenta il sindaco Fabio Bergamaschi - sta nel solco del lavoro già impostato negli scorsi anni, che vede una progressiva trasformazione degli spazi urbani a favore di pedoni e ciclisti; sia nell’ambito di mirati interventi di pedonalizzazione del centro storico da contemperare nella complessità delle esigenze di accessibilità e fruibilità degli spazi per una variegata tipologia di utenza; sia per quanto riguarda le ricuciture di collegamenti ciclopedonali al di fuori del centro storico. Si tratta di interventi  che necessitano di adeguata riflessione, approfondimento tecnico, condivisione di tipo politico, con la consapevolezza della necessità di puntare a un orizzonte  che si ritiene opportuno  per migliorare la qualità della vita della città, senza strappi e con i dovuti accompagnamenti alla trasformazione che necessiteranno di un’attuazione per stralci, pluriennale, impegnando significative risorse di bilancio ma nel quadro di una visione della città che ci accomuna con Fiab”.

363 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria