Martedì, 09 agosto 2022 - ore 15.41

Industria lattierocasearia slovacca A rischio collasso con la fine delle quote latte UE

Gli operatori del settore rivendicano come punto forte dei prodotti nazionali la freschezza e qualità

| Scritto da Redazione
Industria lattierocasearia slovacca A rischio collasso con la fine delle quote latte UE

Con la fine del sistema delle quote latte, messo in soffitta dalla UE a partire dal primo aprile, i produttori di latte slovacchi mostrano grande preoccupazione per il rischio di un’invasione sul mercato di latte straniero più economico che potrebbe mettere a terra il settore lattierocaseario slovacco. Per questo gli agricoltori lanciano l’invito ai consumatori slovacchi per acquistare latte e latticini espressamente slovacchi. La fine, dopo tre decenni, dei contingenti comunitari che limitavano la produzione lattiera potrebbe portare le catene commerciali a preferire latte proveniente dall’estero, dove spesso sovvenzioni governative più o meno nascoste in forma magari di minore tassazione e costo del lavoro, o anche le eventuali differenze nei tassi di cambio. Si potrebbe dunque innescare una guerra dei prezzi dove non è difficile che la produzione slovacca possa soccombere.

Gli operatori del settore rivendicano come punto forte dei prodotti nazionali la freschezza e qualità, fattori estremamente importanti per una dieta sana e di alta qualità, scrive oggi il quotidiano Pravda riportando le preoccupazioni degli allevatori, che sono del resto condivise anche dai loro colleghi in Repubblica Ceca e Ungheria. Inoltre, dicono le aziende di produzione e trasformazione, gli alimenti slovacchi, e ovviamente i latticini e lo stesso latte, seguono una legislazione nazionale che in Slovacchia e Repubblica Ceca è ancora più stringente di quella europea. Lo stesso non avviene in Polonia, dicono, dove vengono seguite soltanto le normative UE.

 

 

Fonte: DA BUONGIORNO SLOVACCHIA, 

1193 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria