Venerdì, 15 novembre 2019 - ore 00.53

Italiani preoccupati per il futuro: aumentano le famiglie risparmiatrici

Gli anni di crisi economica hanno spinto le famiglie ad una serie di riflessioni in merito ad un tema scottante come il risparmio e il proprio domani.

| Scritto da Redazione
Italiani preoccupati per il futuro: aumentano le famiglie risparmiatrici

Le condizioni del nostro paese, difatti, hanno portato molti italiani a riconsiderare le proprie abitudini, e soprattutto a modificare il grado di fiducia nei confronti del futuro del Paese. Un futuro che, fra una crisi di governo e l’altra, si dimostra tutt’altro che stabile o certo.

Questa situazione produce quindi di riflesso una serie di insicurezze e di paure nei cittadini tricolori, che temono una nuova ondata di crisi a breve. Vediamo quindi di approfondire i timori degli italiani, e di capire quali sono i metodi di risparmio più interessanti.

Più preoccupazioni, più risparmi: il quadro in Italia

Aumentano le preoccupazioni rivolte al futuro, e di conseguenza aumentano anche le somme messe da parte dagli italiani. Lo sostiene una ricerca condotta da Ipsos, secondo cui le famiglie del nostro paese sono fra le più preoccupate al mondo quando si parla di futuro economico. Se si fa un confronto con gli altri paesi, infatti, si può notare che solo l’Argentina, il Sud Africa e la Corea del Sud hanno fatto peggio di noi. Questo insieme di paure spinge dunque gli italiani ad avere una forte propensione al risparmio, per potersi cautelare nel caso ci si dovesse di nuovo trovare ad affrontare una crisi economica.

Si parla di percentuali davvero elevate, con un accumulo non finalizzato che ha toccato quota 81%, e con il 51% degli italiani che teme di perdere il proprio impiego. All’interno di questo quadro, comunque, c’è chi ritiene che questi timori possano comunque essere gestiti. Ben il 37% degli italiani, infatti, ritiene che una polizza assicurativa possa permettere di ammortizzare i rischi (anche se solo l’11% ne ha una), mentre altri hanno invece deciso di tutelare i propri risparmi affidandosi a un consulente finanziario.

I metodi di risparmio per le famiglie dello Stivale

Se da un lato aumentano le paure nei confronti del futuro economico e politico, dall’altro cresce, come si è visto, la fiducia nei confronti delle opzioni assicurative. Per molti infatti un buon modo per mettersi al sicuro in questo periodo di incertezze è quello di stipulare una polizza assicurativa adatta, come ad esempio le soluzioni Helvetia RC per il Capofamiglia, in grado quindi di far fronte ai danni provocati non solo dalla propria persona ma anche dai membri della famiglia.

In secondo luogo, diventa sempre più importante imparare a risparmiare in casa, partendo innanzitutto dalla stesura di un bilancio familiare: un documento essenziale per tenere sott’occhio le entrate e le uscite settimanali e mensili. In secondo luogo, è necessario fare attenzione ai consumi di luce e gas, evitando anche gli sprechi alimentari. Un’altra buona abitudine è inoltre quella di eliminare i prodotti monouso (un costo importante), e di usare l’acqua con criterio: due pratiche utili non solo per fare economia in casa, ma in grado anche di aiutare l’ambiente. Altri consigli utili? Le passeggiate quotidiane possono rimpiazzare gli abbonamenti in palestra, mentre i volantini sono i migliori amici di chi vuole risparmiare al supermercato.

Il futuro, nella mente degli italiani, non è roseo. Molti già risparmiano, ed è facile prevedere che questo trend si farà più forte.

260 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

GOVERNO: COLDIRETTI, BENE NO A RATIFICA ACCORDO CANADA (CETA)

GOVERNO: COLDIRETTI, BENE NO A RATIFICA ACCORDO CANADA (CETA)

“La decisione di non ratificare il trattato di libero scambio con il Canada (CETA) è una scelta giusta di fronte ad un accordo sbagliato e pericoloso per l’Italia contro il quale si è sollevata una vera rivolta popolare che ci ha visti protagonisti su tutto il territorio nazionale dove hanno già espresso contrarietà 15 regioni, 18 province 2500 comuni e 90 Consorzi di tutela delle produzioni a denominazioni di origine”.