Domenica, 17 novembre 2019 - ore 21.27

L’INCONTRO WATEC ITALY Alla Fiera di Cremona il convegno dedicato alla gestione dell’acqua

Paolo Micheletti, direttore del Consorzio Dunas, si è soffermato sull’importanza dell’irrigazione a scorrimento e su come un eventuale cambiamento dei sistemi irrigui verso altri considerati più efficienti può comportare gravi disequilibri alla falda e all’intero sistema idrogeologico

| Scritto da Redazione
L’INCONTRO WATEC ITALY  Alla Fiera di Cremona il convegno dedicato alla gestione dell’acqua

L’INCONTRO WATEC ITALY  Alla Fiera di Cremona il convegno dedicato alla gestione dell’acqua

Paolo Micheletti, direttore del Consorzio Dunas, si è soffermato sull’importanza dell’irrigazione a scorrimento e su come un eventuale cambiamento dei sistemi irrigui verso altri considerati più efficienti può comportare gravi disequilibri alla falda e all’intero sistema idrogeologico

Nell’ambito delle Fiere zootecniche internazionali in corso a Cremona, si sono tenute oggi due sessioni del convegno Watec Italy, la prima dedicata alla “Gestione della risorsa irrigua in agricoltura” e la seconda alla “Salvaguardia idraulica: regolamenti, progetti, azioni e finanziamenti di Regione Lombardia”, moderate dal presidente di Anbi Lombardia, Alessandro Folli, e dal direttore Gladys Lucchelli.

Tema principale della mattinata è stato il cambiamento climatico e l’adattamento dei sistemi irrigui. Il professor Claudio Gandolfi, docente all’Università Statale di Milano, ha prospettato i diversi scenari di cambiamento climatico e la conseguente riduzione delle disponibilità idriche, con uno scenario al 2040 di riduzione del 40% dei ghiacciai alpini.

Alcuni esperti israeliani hanno portato l’esperienza di tecniche di irrigazione utilizzate in aree quasi desertiche, mentre Marco Ruffini, direttore del Naviglio Città di Cremona ha illustrato l’origine e la storia del Naviglio Civico.

Paolo Micheletti, direttore del Consorzio di Bonifica Dugali Naviglio Adda Serio (Dunas), oltre ad illustrare gli impianti irrigui realizzati nel dopoguerra per portare l’irrigazione e rendere fertili terreni che sino ad allora non lo erano, si è soffermato sull’importanza dell’irrigazione a scorrimento e su come, in quasi mille anni di storia, questa abbia di fatto disegnato il nostro territorio e definito l’attuale morfologia idrogeologica. Ecco perché, ha spiegato Micheletti, un eventuale cambiamento dei sistemi irrigui verso altri considerati più efficienti può comportare gravi disequilibri alla falda ed all’intero sistema idrogeologico.

I successivi interventi di Federica Matteoli e di Julian Schnetzer della Fao hanno allargato il tema alla necessità di aumentare la produzione agricola per garantire l’alimentazione a 9 miliardi di persone.

Nel pomeriggio il focus si è spostato sulla difesa del suolo. Diego Terruzzi, dirigente della Direzione generale Territorio ed urbanistica della Regione Lombardia, ha sottolineato l’importanza dei consorzi di bonifica nella gestione del reticolo consortile di scolo delle acque.

La giornata si è conclusa con la tavola rotonda a cui hanno partecipato i massimi esponenti lombardi delle associazioni di categoria agricole, Aipo e Anbi Lombardia, e con l’intervento di Ruggero Invernizzi, presidente della Commissione agricoltura del Consiglio regionale lombardo.

 

 

172 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online