Giovedì, 18 ottobre 2018 - ore 19.35

LA SICUREZZA E' DI DESTRA O DI SINISTRA? di Agostino Spataro

La sicurezza dovrebbe essere un valore fondante della convivenza civile, condiviso da tutte le forze democratiche. Tuttavia, se proprio le si vuol dare una connotazione politica credo che tutelare la sicurezza dei cittadini sia più interesse della sinistra e delle forze progressiste e meno della destra.

| Scritto da Redazione
LA SICUREZZA E' DI DESTRA O DI SINISTRA? di Agostino Spataro

LA SICUREZZA E' DI DESTRA O DI SINISTRA? di Agostino Spataro

…La sicurezza dovrebbe essere un valore fondante della convivenza civile, condiviso da tutte le forze democratiche. Tuttavia, se proprio le si vuol dare una connotazione politica credo che tutelare la sicurezza dei cittadini sia più interesse della sinistra e delle forze progressiste e meno della destra.

Se non altro per il fatto che la domanda di sicurezza proviene, prevalentemente, dai ceti medi e meno abbienti i quali si rivolgono allo Stato poiché, a differenza delle classi agiate, non dispongono di mezzi propri per tutelarsi…

1…  In questa campagna elettorale, come nelle precedenti, da destra e da sinistra si fa un gran parlare del problema della sicurezza dei cittadini, spesso enfatizzandolo, per sperare di racimolare qualche manciata di voti. Ma, a parte le furbizie elettorali, la questione esiste, in Italia e in altri Paesi, e sarebbe il caso di  occuparsene sul serio e non solo nelle campagne elettorali.

Tuttavia, per quanto populista, demagogico sia l’approccio, sarebbe da stolti non vedere che si tratta di una questione reale e anche urgente.

Purtroppo, i leader e i loro “esperti” dei salotti televisivi puntano sulla paura, sul terrore, provocati da un fatto di cronaca più per commuovere che per far riflettere il pubblico. E quindi dagli al clandestino, allo psicopatico, all’assassino seriale, al guardone, ecc. Figure che non si possono, certo, ignorare o sottovalutare, ma che non possono diventare il capro espiatorio di responsabilità assai più vaste.

A tal proposito, bisogna concepire la “sicurezza” in senso lato per comprendere tutti gli aspetti connessi che riguardano la vita dei cittadini.

Insicurezza  non é solo il rischio di essere scippati o abusati, ma anche tutto ciò che mette a repentaglio la salute, la convivenza civile e sociale, la qualità della vita, le sane abitudini dei cittadini onesti che rispettano la legalità e pagano le tasse e i tributi.

Sicurezza deve poter significare anche la possibilità di vivere, lavorare, svagarsi senza essere tartassati da vari tipi di criminalità, da speculatori finanziari, da usurai senza scrupoli, ecc.

2…  Per sicurezza deve intendersi, in primo luogo, la tutela della vita e della salute umane, la prevenzione, la rimozione delle cause che ogni anno provocano in Italia diverse migliaia di morti, di feriti  e d’invalidi.

Penso all’alto numero di vittime provocate dagli incidenti stradali o sul lavoro ai casi di malasanità, dalle aggressioni della microcriminalità alle violenze di quella organizzata, dal bullismo, dalla pedofilia allo sfruttamento della prostituzione, dal mercato nero del lavoro allo smercio di droghe, dagli abusi sessuali ai tanti casi di “femminicidio”, ecc. Cui si sono aggiunti tanti reati commessi da immigrati, soprattutto clandestini.

Sommando i dati, in Italia le vittime dell’insicurezza sono più di quelle provocata da una guerra mediorientale!

Ora, nessuno s’illude o pretende di vivere in una campana di vetro. Viviamo dentro una società sempre più complicata, impaurita, distratta, egoista, con meno diritti e opportunità di lavoro e con un garantismo peloso, traboccante e a senso unico. Stranamente, non ci si pone il problema delle vittime e delle loro famiglie, ma prevalentemente quello dei loro carnefici.

Per altro, sappiamo, e vediamo, che la sicurezza non é uguale per tutti.

In Italia (e altrove) vi sono taluni, ristretti gruppi di cittadini più tutelati (o auto-tutelati), mentre la gran parte della popolazione è meno o affatto tutelata. Nessuno s’inalberi, poiché, grosso modo- questa è la situazione del nostro Paese, specie in talune regioni del Sud e nelle periferie urbane delle grandi città.

La questione è assai complessa e certo non si può affrontare con un articolo o con una dichiarazione  elettorale. Restano insoluti alcuni interrogativi, mancano seri progetti di riforma. Si spera che la nuova legislatura, invece di occuparsi di frivolezze e di vendette sociali trasversali, metta al centro i veri e più urgenti problemi del Paese e della nostra società.

La sicurezza è di destra o di sinistra?

A mio parere, la sicurezza dovrebbe essere un valore fondante della convivenza civile, condiviso da tutte le forze democratiche. Tuttavia, se proprio si vuol dare una connotazione politica credo che tutelare la sicurezza dei cittadini sia più interesse della sinistra e delle forze progressiste e meno della destra.

Se non altro perché la domanda di sicurezza proviene, prevalentemente, dai ceti medi e meno abbienti i quali si rivolgono allo Stato poiché, a differenza delle classi agiate, non dispongono di mezzi propri per tutelarsi.

Il bisogno di sicurezza, infatti, è venuto crescendo nella società, soprattutto nei settori meno abbienti e perciò meno protetti.  Uno Stato autorevole, efficiente è la migliore garanzia di equità e di giustizia per i più deboli. Non a caso i ricconi neo liberisti vogliono “meno Stato” e più mercato!

Sicurezza o ordine pubblico democratico?

Per altro, c’è da notare che il termine  “sicurezza” suscita qualche perplessità, specie se non è accompagnata da un’aggettivazione che la definisca nel suo valore politico e in armonia col dettato costituzionale e col diritto internazionale.

Più volte, anche di recente, si è equivocato sul concetto di sicurezza che, forse, più si addice a un edificio, a un’infrastruttura, all’integrità territoriale di un Paese, ecc. e meno a un sistema complesso, a una società in evoluzione, in ebollizione.

Forse, è più opportuno dire “ordine pubblico democratico” che- a mio parere- meglio definisce il sistema, in armonia con la nostra Carta costituzionale.

Perché sia veramente democratico quest’ordine deve essere organizzato sulla base di uno sforzo, coordinato e partecipato, di tutte le istituzioni operanti nel territorio, delle forze sociali e politiche, delle associazioni volontarie di cittadini che affidano allo Stato la funzione precipua di farlo funzionare, secondo giustizia, efficienza ed uguaglianza.

In ogni caso la collaborazione dei cittadini mai deve perseguire soluzioni “fai da te”.

Le ronde, le milizie con le divise o con le camice nere, rosse, verdi, ecc, sono sempre stati al servizio di un progetto politico autoritario. Come il ventennio fascista insegna.

Sul territorio lo Stato è uno. Uno solo! E questo Stato affida il compito del controllo del territorio, dell’ordine pubblico, della sicurezza dei cittadini alle sue forze dell’ordine le quali devono essere strutturate, formate e dotate dei mezzi necessari per adempiere al meglio ai compiti istituzionali. Senza essere distolte per incombenze di tipo amministrativo o, peggio, per garantire una scorta, sovente solo uno status-symbol, a una pletora di esponenti politici e di governo.

Garantismo o permissivismo?

Tante sono le cause dell’insicurezza che vanno chiarite e rimosse, richiamando la responsabilità della classe dirigente che sembra avere abbandonato la società alla deriva, in balia di un permissivismo eccessivo, contrabbandato per garantismo. Alla luce delle esperienze e delle tendenze (non sempre positive) verificatesi nell’ultimo trentennio, sarebbe utile una rivisitazione dei nuovi codici per correggere certe storture applicative e certi abusi interpretativi.

Poiché tali “equivoci” hanno creato uno squilibrio fra la giusta esigenza del recupero dei soggetti deviati e la tutela dei diritti dei cittadini vittime delle varie devianze.

Insomma, si è capovolto il senso dello Stato democratico, della sua missione civile che, in primo luogo, è quella di tutelare i diritti dei cittadini onesti e dopo, se compatibili con tale priorità, anche quelli di chi, in vario modo, vi attenta.

Chi aspira a governare il Paese deve parlare e proporre con chiarezza soluzioni idonee. Non bastano le enunciazioni. Soprattutto- ripeto- le forze di sinistra e progressiste le quali, in quanto rappresentanza delle forze sociali più deboli e, di fatto, meno tutelate,  devono farsi carico della prevenzione ma anche della giusta repressione dei reati, della certezza della pena, ecc.

Per non regalare alla destra, al centrodestra il monopolio della sicurezza.

Agostino Spataro 14 /2/2018

284 visite

Articoli correlati