Lunedì, 15 aprile 2024 - ore 13.44

Le industrie slovacche si lamentano col governo degli alti costi dell’energia

Imprese e associazioni di categoria hanno inviato una lettera aperta a Fico nei giorni scorsi

| Scritto da Redazione
Le industrie slovacche si lamentano col governo degli alti costi dell’energia

Il Primo ministro slovacco Robert Fico ha in mente di ridurre i costi energetici delle aziende del Paese, che si lamentano dei prezzi elevati dell’elettricità, con l’abolizione del contributo obbligatorio al Fondo Nazionale Nucleare. Lo ha detto sabato nel corso del programma Sobotné Dialógy (Dialoghi del sabato) alla Radio Slovacca (SRo/RTVS), aggiungendo che l’unica entità a pagare la tassa sarà il produttore di energia elettrica Slovenské Elektrárne (SE)​​. Ma questo non risolverà il problema, secondo le aziende.

Imprese e associazioni di categoria hanno inviato una lettera aperta a Fico nei giorni scorsi lamentandosi dei prezzi dell’energia elettrica in Slovacchia, che per i produttori industriali sono, denunciano, tra i più alti d’Europa. Tra le altre cose, uno dei motivi per tale sovraccarico è l’aumento della tariffa per il funzionamento della rete elettrica nazionale entrato in vigore l’agosto scorso, che ha accresciuto i costi per l’industria slovacca.

L’idea di abolire il balzello per il Fondo Nucleare è sicuramente, buona, e porterebbe a diminuire i costi energetici del 3% circa, ha detto Tibor Gregor, rappresentante del Klub 500, l’associazione che riunisce i più grandi datori di lavoro in Slovacchia. Ma in Germania i prezzi dell’elettricità sono del 34% in meno (!), lamenta Gregor. Dunque il problema rimane, ed è una questione chiave per la competitività delle imprese slovacche.

Fonte: DA BUONGIORNO SLOVACCHIA

1538 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria