Sabato, 15 maggio 2021 - ore 10.17

Nuovo Hosp Cremona Tutti contenti?Ma che ci mettiamo dentro? Ed il territorio?

La notizia che la Giunta Regionale abbia deciso lo stanziamento per un nuovo Ospedale a Cremona fa tutti contenti ? Sembra quasi tutti.

| Scritto da Redazione
Nuovo Hosp Cremona Tutti contenti?Ma che ci mettiamo dentro? Ed il territorio? Nuovo Hosp Cremona Tutti contenti?Ma che ci mettiamo dentro? Ed il territorio?

Nuovo Ospedale di Cremona . Tutti contenti ? Ma che ci mettiamo dentro? Ed il territorio?

La notizia che la Giunta Regionale abbia deciso lo stanziamento per un nuovo Ospedale  a Cremona fa tutti contenti ? Sembra quasi tutti.

Come è noto la proposta fu lanciata  da Carlo Malvezzi (Forza Italia) https://www.welfarenetwork.it/carlo-malvezzi-forza-italia-cremona-si-merita-un-nuovo-ospedale-video-g-c-storti-20200609/]  nella primavera del 2020 in piena pandemia. La motivazione  era che l’attuale struttura è obsoleta ed anziché spendere 200milioni per la ristrutturazione dell’esistente se ne poteva impegnare 450/500 e farlo nuovo utilizzando i fondi del MES.

Rispetto alla proposta si aprì una discussione fra perplessi, favorevoli e contrari. Si sono pronunciati anche i comuni del distretto ed il presidente dell’ordine dei medici la  cui petizione raccolse centinaia di firme.

Il consiglio comunale di Cremona discusse del tema a settembre nel cortile Federico II.

Si schierano contro  il M5S , mentre la Lega  manifestò , allora, delle perplessità.

I sindacati, come i sindaci ed i medici ed anche Articolo Uno ponevano la necessità che prima di arrivare al nuovo ospedale sarebbe stato utile (vista l’assoluta mancanza di strutture sanitarie territoriali) di riorganizzare questo settore la cui debolezza è stata amplificata dalla pandemia.

Il Vice sindaco Andrea Virgilio , in questo contesto dichiarò che ‘ il nuovo ospedale con la sanità territoriale non era in contrapposizione’.

Ad un certo punto vi fu una stretta politica ed il Sindaco Galimberti, la Giunta, il PD ed il centrosinistra  diedero il loro parere favorevole all’operazione.

Il giornale La Provincia (del 3 marzo) oltre alle dichiarazioni di Malvezzi e Pizzetti  evidenzia che la Giunta Fontana ha stanziato , oltre che per l’ospedale di Cremona consistenti risorse anche per la ASST di Crema  e per l’OGLIO PO.

Malvezzi (FI) esulta :’Dicevano che eravamo che la proposta, lanciata da me, Salini e Gallina 11 mesi fa, era velleitaria .Il nuovo ospedale è una grande opportunità per Cremona e per tutto il territorio’

Anche Luciano Pizzetti (PD) dichiara : Pochi hanno lavorato per il bene di molti . Ora basta scetticismi, parliamo di come sarà “

Infine Fabio Grassani  (Lega) si accoda e scrive : Sanità bene la risposta di Regione richieste territorioNon è sufficiente però concentrarsi sul solo contenitore ma serve valorizzarne l'identità, facendo dell'Ospedale di Cremona e  facendo ora focus sui servizi

Alcuni però fanno notare  che la somma stanziata dalla Giunta Fontana ( sui 200milioni) sia molto lontana dalla stima iniziale detta da Malvezzi (450/500) e che i tempi di nuova realizzazione sono stimati fra i 5 e gli 8 anni.

Chi gestirà l’operazione? Sicuramente la nuova Giunta Regionale e Comunale.

Insomma tutti contenti? Pare si ma con qualche precisazione e distinguo.

Il sindaco Gianluca Galimberti , sulla sua pagina FB, da notizia del suo incontro con Direttore generale dell’ASST di Cremona Giuseppe Rossi e scrive : ‘Come abbiamo sempre detto e come ho detto al dg Rossi , non intendiamo questa occasione solo come la costruzione di una nuova struttura, ma anche come la riorganizzazione e il rilancio del suo contenuto, ovvero un rinnovato e rafforzato sistema socio-sanitario che punta alla qualità dei nostri servizi ospedalieri e alla diffusione sul territorio della medicina territoriale. E' chiaro che non basta parlare di nuovo ospedale, ma occorre inserire questa novità dentro al sistema sanitario rafforzato’.

Giustamente Galimberti fa notare quello che era emerso dal dibattito di questi mesi  e cioè che la struttura territoriale del cremonese e della provincia è debole, molto debole, come la pandemia da Covid ha purtroppo messo in evidenza.

Invece il Dott. Piero Cavalli (genetista ex primario ) pone una serie di questioni non secondarie che dovrebbero far riflettere.

Nell’intervista  (sul giornale La Provincia del 6 marzo)  evidenzia quanto segue:

-la comunità cremonese dovrebbe porsi il problema del perché molti pazienti si vanno a curare in altre strutture;

-non si può decidere un nuovo ospedale sulla base dell’anno di costruzione; vi sono ospedali che hanno 200 anni e che sono strati ristrutturati e che sono in perfetto stato di funzionamento; purtroppo la struttura di Cremona, in questi anni, non è stata  ristrutturata come si doveva fare;

-questione non secondaria è che non è chiaro quali saranno i contenuti del nuovo ospedale, quanti posti letto ecc.;

-che succederà al vecchio ospedale? Diventerà una struttura abbandonata come l’ex INAM ?

Nella stessa pagina vi è poi una presa di posizione di Marco Degli Angeli che dichiara :’Bene gli investimenti promessi, ma importante sarà investire pesantemente sulla medicina territoriale. La sanità non può reggersi solo su un ospedale’

Insomma la partita non è  ancora chiusa ed appare piuttosto- ad oggi-  un’operazione di propaganda della Giunta Fontana e che fa emergere una forte convergenza politica fra Partito Democratico e Forza Italia sia a Cremona che a livello regionale con la Lega in posizione quasi defilata.

--------

Per trasparenza verso i cittadini  i temi che vanno ulteriormente chiariti sono :

-la scelta del nuovo ospedale appare in contrasto con l’orientamento generale che prevede la ristrutturazione degli immobili  evitando il continuo consumo di suolo che nella città di Cremona  appare molto pesante;

-ma quanto verrà a costare per davvero il nuovo Ospedale? Se la stima fatta era di 450/500 milioni perché la regione ne ha stanziato solo 200?

-Esiste un progetto ? E con che cosa sarà riempita la nuova struttura (quali servizi , specialità ecc.) ?;

-che fine farà il vecchio Ospedale ? Sarà ridotto in macerie? E le macerie dove saranno smaltite?

-quale  rafforzamento delle strutture territoriali ? Perché non vi è un progetto per il recupero dell’Ex Inam?;

- ci sono progetti per il rafforzamento territoriale di cui parla il sindaco Galimberti?

Porremo , ufficialmente, queste domande alla Direzione ASST di Cremona

Attendiamo i e contributi da parte di associazioni e singoli cittadini

 

Red/welcr/gcst

Cr 7 marzo 2021

326 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online