Lunedì, 28 settembre 2020 - ore 20.13

Pianeta Migranti Cremona Firma Appello per la sanatoria dei migranti irregolari ai tempi del Covid-19

Una sanatoria contro il Coronavirus, per garantire l'accesso alle cure e al lavoro pulito a chi vive nei ghetti del nostro paese. Una proposta lanciata da Terra e Flai CGIL al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e ai Ministri Teresa Bellanova (Agricoltura), Nunzia Catalfo (Lavoro), Lamorgese (Interni) e Provenzano (Sud).

| Scritto da Redazione
Pianeta Migranti Cremona  Firma Appello per la sanatoria dei migranti irregolari ai tempi del Covid-19 Pianeta Migranti Cremona  Firma Appello per la sanatoria dei migranti irregolari ai tempi del Covid-19 Pianeta Migranti Cremona  Firma Appello per la sanatoria dei migranti irregolari ai tempi del Covid-19

Pianeta Migranti Cremona Firma Appello per la sanatoria dei migranti irregolari ai tempi del Covid-19

Una sanatoria contro il Coronavirus, per garantire l'accesso alle cure e al lavoro pulito a chi vive nei ghetti del nostro paese. Una proposta lanciata da Terra e Flai CGIL al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e ai Ministri Teresa Bellanova (Agricoltura), Nunzia Catalfo (Lavoro), Lamorgese (Interni) e Provenzano (Sud).

All'appello hanno aderito Don Ciotti (Presidente di Libera e Gruppo Abele), Luigi Manconi, Roberto Barbieri (Direttore di Oxfam Italia), Riccardo Vito (Presidente di Magistratura Democratica), Valentina Calderone (Direttrice di A Buon Diritto), Medici per i diritti umani (MEDU), Marco Omizzolo (Ricercatore Eurispes e Presidente di Tempi Moderni), Danilo Chirico (Presidente DaSud), Antonello Mangano (Terrelibere), Marina Galati (Vice presidente Coordinamento nazionale comunità di Accoglienza), CSC Nuvola Rossa, Co.S.Mi e Sanità di Frontiera.

I firmatari esprimono "profonda inquietudine e preoccupazione per le migliaia di lavoratori stranieri che abitano nei tanti ghetti del nostro paese. Molti di loro sono braccianti agricoli e quindi indispensabili per la sicurezza alimentare, ma vivono in insediamenti senza garanzie igieniche, potenziali focolai di epidemia covid-19. 

E’ necessario dunque svuotare i ghetti e collocare altrove le persone che li abitano.

E’ un dovere non solo igienico-sanitario, ma anche di rispetto dei diritti umani. Molti stranieri irregolari a causa dei decreti sicurezza e dei frequenti posti di blocco dovuti all’epidemia, restano nelle baraccopoli senza lavoro e senza cibo. Da qui la proposta di una sanatoria. Sarebbe una misura di equità in un momento che vede il calo drastico dei lavoratori agricoli nelle campagne causato dal venir meno dei braccianti dei Paesi dell'Est Europa che, impauriti dall’epidemia,  lasciano l’Italia.

I promotori dell’appello chiedono dunque diritti e tutele per la salute e la sanatoria per tutti gli stranieri irregolari al fine di consentire loro l'accesso alle cure e al lavoro.

La sanatoria non è però l'occasione per rifornire il settore agricolo di lavoro a buon mercato in un momento di shock economico, ma vuole essere un’ occasione per contrastare il lavoro nero e il caporalato.

Per aderire all’appello compila il modulo: [ clicca qui ] 

Per informazioni:  sanatoriasubito@gmail.com

 

1708 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online