Sabato, 21 settembre 2019 - ore 19.26

Pianeta migranti. Trump e partiti xenofobi, facce della stessa medaglia di Mauro Ferrari

Lo sfruttamento dei migranti va di pari passo con la crescita delle disuguaglianze. E’ una tesi utile alle destre che si trasformano in imprenditori politici della paura. Lo spiega bene l’intervista al sociologo Mauro Ferrari dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

| Scritto da Redazione
Pianeta migranti. Trump e partiti xenofobi, facce della stessa medaglia di Mauro Ferrari Pianeta migranti. Trump e partiti xenofobi, facce della stessa medaglia di Mauro Ferrari Pianeta migranti. Trump e partiti xenofobi, facce della stessa medaglia di Mauro Ferrari Pianeta migranti. Trump e partiti xenofobi, facce della stessa medaglia di Mauro Ferrari

“Nel mercato del lavoro si concretizza il nesso tra inferiorizzazione dei migranti e amplificazione della retorica razzista,” dice a Left il professor Mauro Ferrari. Che si tratti di nuovi schiavi in agricoltura, di donne centroafricane nel mercato della prostituzione, di collaboratrici familiari dei Paesi dell’est (le cosiddette badanti), in tutti questi casi e in altri ancora, i due temi, svalutazione del lavoro dei migranti e razzismo, si tengono. La marginalizzazione dei migranti consente ai detentori di quei segmenti del mercato del lavoro - italiani o stranieri che siano, consapevoli o meno che siano - di prosperare (alimentando lavoro nero e forme differenti di sfruttamento) e di mostrare come sia ‘tollerabile’, o meglio ‘funzionale’, che masse di diseredati popolino, in assenza di diritti, questi segmenti di territorio e di mercato del lavoro.”

Domanda- Professore, c’è un nesso con l’accentuarsi della crisi?

“La crisi economica non ha fatto altro che accentuare queste dinamiche, con un aspetto di continuità rispetto al fenomeno del sottoproletariato e una differenza fondamentale rispetto al passato: oggi è dissolta la - vera o presunta - compattezza dello strato sociale che abitava le fabbriche. Al punto che gli attuali partiti xenofobi trovano ascolto in larga parte proprio tra coloro che in passato riuscivano a manifestare solidarietà internazionaliste, e che invece con sempre maggiore difficoltà riescono oggi a rappresentarsi come un corpo omogeneo. La globalizzazione, nel suo lato oscuro -delocalizzazione industriale, accorpamenti, trionfo del finanzcapitalismo-, ha provocato destabilizzazioni importanti, che ora cercano risposte in partiti o movimenti distanti dalle loro origini storiche, ma quanto mai affini al nesso fra crisi, precarietà (o instabilità, o insicurezza) e ricerca di risposte individuali.”

Domanda- Come è cambiato il razzismo in questi anni?

“ Lo straniero è utilizzato come elemento che porta confusione, instabilità, e quindi respinto con argomenti impropri sia sul piano storico-geografico che su quello antropologico. Nell’elaborazione antropologica classica sono due le modalità di relazione fra due gruppi di individui: da un lato la xenofobia (‘vomitare’ l’altro), che equivale all’eliminazione di uno o ambedue i gruppi, e dall’altra la xenofilia (‘mangiare’, quindi ‘incorporare’ l’altro), cioè viceversa all’assimilazione nel senso più pieno del termine. Tra queste due posizioni estreme è compresa buona parte delle politiche migratorie ‘modellizzate’ nel loro agire normativo: alle due estreme la proposta assimilativa (un’unica identità nazionale), oppure il concepire il migrante come ‘ospite temporaneo’ (da espellere appena possibile) e in posizione intermedia l’ipotesi comunitarista: la compresenza di molti gruppi definiti una-volta-per-tutte e l’assenza di strategie di interazione-integrazione, che rischia di rinforzare le chiusure reciproche. Esiste anche una forte differenza simbolica: nello scambio impari tra soggetti che definiscono le ‘culture’ di altri soggetti, qualcuno “nomina” qualcun altro confermandone insieme l’estraneità e l’inferiorità. Pensiamo ad esempio all’utilizzo spesso inconsapevole del termine ‘etnia’. Dove sta la reciprocità di questa categoria? Spesso sostituisce la categoria del “razzismo”, ritenuto meno  corretto.”

Domanda- Né i poliziotti che sparano né i neri che li filmano (o sparano a loro volta) non credono più in chi rappresenta l’America e nei suoi valori. Emerge una forte delegittimazione dell’establishment e dell’autorità statale.

“L’autorità statale ha perso autorevolezza, in Europa come negli States, a causa del rapporto di forza impari tutto a favore di lobby economico-finanziarie transnazionali che ne condizionano l’agire. D’altro canto, per ogni azione di sopraffazione o discriminazione assistiamo a mosse comunicative e politiche da parte di grandi masse di persone che manifestano pubblicamente il loro sdegno e il desiderio di mostrare la loro appartenenza a società profondamente interculturali. La questione diventa dunque come saldare questi movimenti a forme di rappresentanza politica. Le forme tradizionali di partito, e in parte anche del sindacato, sono inadeguate. E la forte accentuazione del ruolo dei leader produce uno scivolamento verso una sorta di iper-semplificazione del discorso pubblico. In questo senso, Trump negli Usa e i partiti xenofobi nella vecchia Europa sono le facce della stessa medaglia, e drenano consensi convogliando frustrazioni, rancori, paure, verso successi politici nazionali. La Lega Nord in Italia o il Front national in Francia, ad esempio, ormai “imprenditori politici della paura”, amplificano questo messaggio alla ricerca di soluzioni di tipo autarchico, rassicuranti quanto anacronistiche. Diverso è il caso del M5s, che per alcuni aspetti rappresenta un antidoto all’ondata neorazzista, sebbene sul tema immigrazione non assuma posizioni particolarmente illuminate.”

* Mauro Ferrari, sociologo, lavora presso la direzione generale del Comune di Parma e insegna Politiche pubbliche e Progettazione sociale presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Svolge attività di formazione, ricerca e consulenza sui temi delle politiche sociali, dell’immigrazione, delle organizzazioni

1614 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online