Domenica, 02 ottobre 2022 - ore 11.26

Pisapia.Con Wi-Fi X Milano

| Scritto da Redazione
Pisapia.Con Wi-Fi X Milano

Pisapia.Con Wi-Fi X Milano, internet gratuito in città
500 punti d’accesso nel primo anno, oltre 5000 entro l’Expo del 2015.
Far diventare Milano la città più avanzata d’Europa nell’offerta pubblica di servizi Internet per tutti  i cittadini, con migliaia di luoghi di connessione e accesso gratuito all’aperto. Questo è l’obiettivo che Giuliano Pisapia vuole raggiungere attraverso Wi-Fi X Milano, una Rete pubblica internet senza fili che muoverà i primi passi nei primi 100 giorni di governo della città. Questa è la vera scossa digitale che Milano attende da anni.

La rete cittadina annunciata da Pisapia prevede l’utilizzo di edifici e spazi pubblici, esercizi commerciali (bar edicole, ristoranti,) fermate ATM delle linee di superficie, per offrire un accesso capillare senza fili (il cosiddetto Wireless) in tutto il territorio comunale. Tutto ciò disegnerà quella ‘Città Digitale’ che Milano attende da anni, ma non ha mai messo in pratica. Milano vuole muoversi dunque in questo senso, sulla scia dell’esempio di Roma, dove grazie all’attenzione del presidente della Provincia Nicola Zingaretti, con il quale si instaurerà una collaborazione costante, sono stati installati oltre 600 punti di accesso nell’area metropolitana.

In particolare il progetto prevede l’installazione di un dispositivo (una piccola antenna tecnicamente definita Access Point) che consenta l’accesso alla Rete. La mappa dei luoghi di connessione comprenderà edifici pubblici di proprietà (scuole, biblioteche, anagrafi, uffici comunali, centri civici, centri sportivi, parchi, ecc…), a questi si aggiungeranno centinaia di bar, ristoranti ed edicole che verranno incentivati a offrire servizi di connessione wi-fi all’aperto utilizzando un modello di autenticazione semplificata fornito dalla costituenda Rete Municipale. Questo sistema verrà proposto anche ad Atm al fine di allacciare alla  rete le fermate dotate di pensilina, oggi oltre 2.500. Con questo sistema complessivo si potrà raggiungere nel tempo e a regime un numero di punti accessibili superiore a 5.000, facendo diventare Milano capitale europea del Wireless, un servizio molto atteso dai tanti studenti che popolano la Città (sono circa 200.000 a Milano) e dalla moltitudine di professionisti e city users che considerano la Rete uno strumento essenziale per il proprio lavoro e per l’utilità quotidiana. Per non parlare dei vantaggi per gli 11 milioni di turisti che frequentano ogni anno la nostra Città, da aggiungersi ai tanti visitatori che frequenteranno Milano con l’avvicinarsi di Expo 2015. Questo elimina le distanze reali e virtuali. Uno strumento ancora più importante e un’opportunità per le persone con disabilità, in quanto Milano sarà senza barriere non solo architettoniche.

Secondo i calcoli di sostenibilità effettuati da esperti che hanno collaborato al progetto Wi-Fi X Milano l’infrastruttura di connessione potrebbe essere realizzata con un costo contenuto (non superiore a 5 milioni di €) e limitate spese di gestione, che potrebbero consentire l’accesso a internet free per un tempo pro capite di 1h e 30minuti al giorno.

Un’infrastruttura municipale così capillare potrà offrire numerosi servizi che potranno essere identificati nell’ambito di una progettazione partecipata insieme agli attori della Città. Tra i servizi che potranno essere messi a disposizione ci saranno anche attività di utilità pubblica:

sistema di rilevazione del degrado urbano: buche, semafori rotti, danneggiamenti ecc, che il cittadino potrà fotografare, segnalandoli in tempo reale al Comune con un servizio apposito di geo-localizzazione;
sistema di pagamento municipale: sarà applicato per regolare la sosta nei parcheggi, nonché l’accesso a zone limitate al traffico;
servizi ‘live’: possibilità di conoscere in tempo reale tutti i servizi offerti nella zona che si sta attraversando, con un sistema che condurrà come un navigatore nel luogo richiesto.
 

 “Milano ha bisogno di una rivoluzione digitale – afferma Giuliano Pisapia, candidato sindaco di Milano per il centrosinistra – per sfruttare il potenziale che le tecnologie dell’informazione e della comunicazione consentono nella creazione di nuovi posti di lavoro e nell’inclusione sociale. Con internet e con il Wi-Fi noi possiamo, infatti, immaginare una nuova economia per Milano sulla base di quanto è successo in tante città americane. Una  nuova economia che ha fatto nascere opportunità di lavoro per i giovani”.

“Una città moderna - dichiara Nicola Zingaretti, presidente della Provincia di Roma - deve assolutamente allargare i suoi confini anche attraverso la connessione internet. Il progetto Wi-Fi X Milano e l’infrastruttura che abbiamo sviluppato a Roma sono l’esempio della volontà di rilanciare il ruolo della connettività nella vita quotidiana dei cittadini, dei turisti e dei lavoratori per un pieno sviluppo socio-economico dei nostri territori”.

ESEMPI IN ITALIA E NEL MONDO

In Italia alcune città stanno sviluppando sistemi di connettività a Internet con punti di accesso diffusi. Due esempi pur differenti per scopi e progettazione sono quelli che riguardano la provincia di Roma – attraverso il progetto Provincia WiFi, basato sulla connessione gratuita per gli utenti outdoor che sta iniziando a diffondersi con oltre 600 punti installati e funzionanti – e Venezia – con Venice Connected basato sulla vendita di servizi turistici, e Cittadinanza Digitale per l’accesso Wi-Fi ai residenti. La Provincia di Roma ha inoltre siglato un protocollo d’intesa con la Confederazione nazionale dell’artigianato (Cna) che prevede la possibilità di collegarsi gratuitamente alla Rete in 4.200 esercizi commerciali. Anche L’Aquila sta attuando un programma di connessione wi-fi gratuita. A livello internazionale non vi è città che non stia affrontando il tema della  connettività sul territorio, con progetti di ampio respiro: Amsterdam con un’infrastruttura Wireless che coprirà tutta la città, Parigi con centinaia di punti di accesso gratuiti, Seul con ben 13mila hot spot in tutta la città, Shanghai con una rete wi-fi pervasiva creata per l’Expo, Oklahoma City e altre città americane che stanno creando Reti Muniwireless per servizi di pubblica utilità.
 

Milano, 21 aprile 2011

--

Ufficio Stampa - Giuliano Pisapia
Ilaria Bartolozzi  +39.348.0016900
Ilaria Modanesi  +39.334.6965527
ufficio.stampa@pisapiaxmilano.com
www.pisapiaxmilano.com


 

2597 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria