Domenica, 20 ottobre 2019 - ore 05.26

Porte Aperte Festival, 4ª edizione: un successo da 15mila presenze

Si è conclusa nella notte di domenica 30 giugno, ai Bastioni di Porta Mosa, la 4ª edizione del Porte Aperte Festival, come di consueto organizzata dall’Associazione Culturale Porte Aperte, dal Centro Fumetto Andrea Pazienza e dal Comune di Cremona.

| Scritto da Redazione
Porte Aperte Festival, 4ª edizione: un successo da 15mila  presenze

Porte Aperte Festival, 4ª edizione: un successo da 15mila  presenze

Si è conclusa nella notte di domenica 30 giugno, ai Bastioni di Porta Mosa, la 4ª edizione del Porte Aperte Festival, come di consueto organizzata dall’Associazione Culturale Porte Aperte, dal Centro Fumetto Andrea Pazienza e dal Comune di Cremona.

Nonostante il caldo torrido che ha caratterizzato il weekend, la città ha risposto con sorprendente entusiasmo, animando per tre giorni piazze, chiostri, cortili e giardini di palazzi storici, riempiti da tanti cremonesi e turisti, desiderosi di conoscere gli oltre 100 ospiti (locali, nazionali e internazionali) anche quest’anno inseriti nel ricco programma della manifestazione.

La maggior parte dei 60 appuntamenti previsti ha visto infatti la partecipazione di centinaia di persone, con particolare affluenza per gli incontri con Lina Bolzoni, Michela Marzano, Alessandro Robecchi, Scornaienchi e Ralli, Benedetta Tobagi ed Emanuele Trevi, fino a raggiungere picchi di 500 partecipanti per il reading di Neri Marcorè, il monologo di Adrian Fartade e le interviste a Philippe Besson e Hanif Kureishi.

Anche la programmazione di Porta Mosa ha riscontrato un notevole progresso di adesioni rispetto al 2018, come pure le mostre, le visite guidate e le anteprime. Grande curiosità ha destato il nuovo segmento sul gioco, allestito in Via Solferino.

I curatori, Andrea Cisi, Mario Feraboli, Michele Ginevra, Marco Turati e Marina Volonté, non nascondono dunque la propria soddisfazione per l’ulteriore passo in avanti che il PAF ha compiuto, in termini quantitativi e qualitativi, sfiorando il tetto delle 15Ë™000 presenze, tra le quali ormai sempre più numerose pattuglie di curiosi e appassionati provenienti da altre città, attratti dall’originalità, dalla varietà e dallo spessore della proposta.

Gli organizzatori, convinti che la manifestazione possieda ancora ampi margini di crescita da sviluppare, tengono tuttavia a valorizzare le oltre 100 collaborazioni che la rassegna ha intrecciato con il tessuto sociale, culturale e artistico cremonese, con altre rassegne e festival, con scuole e istituzioni, ma soprattutto con il tessuto del commercio locale.

L’appuntamento dunque per tutti è alla quinta edizione, come da tradizione prevista per l’ultimo weekend di giugno 2020.

401 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online