Lunedì, 24 giugno 2019 - ore 11.00

Primarie PD. Perché mi candido| A.Mandredini ( telefonata)

| Scritto da Redazione
Primarie PD. Perché mi candido| A.Mandredini  ( telefonata)

Primarie parlamentari. Per offrire la più ampia partecipazione e garantire il rinnovamento della politica, inizio la raccolta firme per partecipare alle primarie per la scelta dei parlamentari del 29 dicembre
La Politica richiede coraggio e libertà.

Facendo politica tra i cittadini ho imparato che occorre mettersi in gioco sempre, perchè la politica non può essere solo rendita di posizione. Per questo motivo ho scelto di candidarmi alle primarie per la scelta dei parlamentari del Partito Democratico.

Credo infatti che queste primarie possano essere l'occasione per dare voce a persone nuove, realtà nuove, idee nuove.

Questo è il senso della mia candidatura, aprire ai giovani ed innovare; solo così il Pd potrà essere riconosciuto anche a Cremona come una forza capace di guidare il Paese.

In queste ore sono impegnata a raccogliere le firme per presentare la candidatura per le primarie al Parlamento, una corsa contro il tempo per questo mi auguro che grazie all’aiuto di tanti iscritti del Pd possa partecipare per la prima volta alla scelta diretta del parlamentare.

Alessia Manfredini

Alessia Manfredini, consigliere comunale Pd e vice presidente del Consiglio comunale di Cremona, 35 anni
Laurea (5 anni) in Ingegneria per l'Ambiente e il Territorio presso l'Università agli studi di Pavia
Pendolare da 10 anni su Milano, Hobby viaggi

Intervista di Gian Carlo Storti

www.welfarecremonanetwork.it

Cremona 20.12.12

 

Primarie PD. Perché mi candido| A.Mandredini  ( telefonata)

1085 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

(Tel.) Giuseppe Demaria (Cisl) L’intesa non siglata dalla Cgil per Centro Padane è un buon accordo che tutela i lavoratori.

(Tel.) Giuseppe Demaria (Cisl) L’intesa non siglata dalla Cgil per Centro Padane è un buon accordo che tutela i lavoratori.

Sull’intesa che stabilisce le condizioni a cui avverrà la cessione individuale del contratto di ognuno dei 206 lavoratori è stata firmata dal Gruppo Gavio e dalle segreterie nazionali, regionali e territoriali di Fit Cisl, Uil Trasporti, Sla Cisal e Ugl. Ma non dalla Filt-Cgil. La trattiva e l’intesa è avvenuta non al Ministero ma sul tavolo negoziale azienda-sindacati.