Sabato, 20 luglio 2019 - ore 21.55

Raddoppio ferrovia Mantova-Cremona-Codogno Un silenzio assordante di Giuseppe Trespidi

Servizio ferroviario: la proposta di Maroni di raddoppiare la Mantova - Cremona - Codogno è stata accolta con un silenzio assordante.

| Scritto da Redazione
Raddoppio ferrovia Mantova-Cremona-Codogno Un silenzio assordante di Giuseppe Trespidi

Nei giorni scorsi il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni ha proposto di raddoppiare la linea ferroviaria Mantova – Cremona – Codogno. Una proposta molto importante per il territorio cremonese e mantovano che, prendendo atto, dello stato del nostro servizio ferroviario e del trasporto pubblico in generale darebbe una risposta significativa alle molte attese sia in termini di trasporto viaggiatori e merci sia di sviluppo del territorio. Peccato, però, che la proposta sia caduta in un silenzio assordante sia della politica sia delle forze economiche. Stavolta non ci si nasconde dietro al solito alibi: “non ci sono i soldi perciò non si può fare” ma c’è un si dice che non è nell’elenco delle opere prioritarie che la Regione Lombardia ha trasmesso al Ministero delle infrastrutture, perciò “di cosa stiamo parlando”? A fronte di ciò non mi resta che prendere atto che sembra che ancora una volta non si vuole tentare di progettare il futuro. – dichiara il Segretario provinciale dell’UDC Giuseppe Trespidi – È in sostanza questo che, stando alle cronache giornalistiche, sta emergendo: non si vuol neppure prendere in considerazione la proposta di Maroni e di chiedere ufficialmente a Regione Lombardia e a Rete Ferroviaria Italiana di fare un progetto di fattibilità del raddoppio della linea Codogno – Cremona – Mantova. Tra l’altro vale la penna ricordare che con particolare riferimento al tratto Codogno – Cremona si sta lavorando per vedere la fattibilità dell’insediamento dell’area industriale di Tencara. Area che per potersi sviluppare deve essere dotata di infrastrutture come il canale navigabile e la linea ferroviaria. Ma – continua Trespidi – se veramente si ritiene che la linea Milano - Cremona - Mantova deve diventare un asset strategico per la rete ferroviaria Lombarda sia sul fronte dei trasporti pendolari, perché collega i bacini di Mantova e Cremona all’area metropolitana di Milano, sia perché rappresenta uno degli itinerari merci più importanti del bacino padano, dove sono situati i terminali di Mantova, Cremona/Cavatigozzi e Piadena, occorrono azioni e progetti concreti che, francamente, non si vedono a nessun livello nel mondo politico cremonese e mantovano. Occorre purtroppo constatare che nel cremonese, nonostante gli appelli del mondo industriale, non si intravede una visione strategica per il futuro perché manca la definizione di progetti da realizzare nel medio e lungo periodo. È vero, invece, che nel frattempo il servizio ferroviario pur dando segnali di miglioramento continua a registrare inconvenienti peggiorativi. – continua ancora Trespidi – Ecco allora che la proposta di raddoppio fatta dal Presidente Maroni della linea tra Codogno - Cremona – Mantova diventa un obiettivo strategico prioritario perché risponde non solo alle esigenze economiche e di sviluppo del territorio ma dà anche una risposta adeguata al traffico merci e viaggiatori dell’area cremonese. È ora che le forze politiche ed economiche, i Consiglieri regionali, il Comune di Cremona, la Provincia escano allo scoperto. – conclude Trespidi – accogliendo la proposta di Maroni ritenendo, giustamente, che Cremona è un cuore dove le vene che gli portano il sangue sono asfittiche per cui è necessario che si trovino le alleanze necessarie perché l’aorta rappresentata dalla linea Mantova - Cremona - Codogno diventi veramente tale raddoppiandola. Occorrono progetti strategici e prioritari per il futuro senza trascurare il presente e questo è senz’altro uno su cui puntare.

Giuseppe Trespidi Segretario Provinciale UDC Cremona

1692 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online