Martedì, 28 settembre 2021 - ore 00.35

RL presenta riforma sanitaria. Degli Angeli (M5s Lomb): Confermato il sistema feudale

Sanità svenduta al privato. Sulla medicina del territorio aspettiamo i fatti

| Scritto da Redazione
RL presenta riforma sanitaria. Degli Angeli (M5s Lomb): Confermato il sistema feudale

RL presenta riforma sanitaria. Degli Angeli (M5s Lomb): Confermato il sistema feudale

Sanità svenduta al privato. Sulla medicina del territorio aspettiamo i fatti

Con diversi mesi di ritardo, finalmente la giunta Fontana ha approvato la riforma sanitaria. “Regione ha riconosciuto come pilastro, al momento solo a parole, il rafforzamento della medicina territoriale, ma purtroppo l'impalco è un vero e proprio sistema feudale: restano le ATS, utili solo a garantire le poltrone e permane quell’anomalia lombarda creata apposta per mantenere un sistema politico ben preciso: si prosegue con il disegno di Formigoni, che come obiettivo ha la completa privatizzazione della sanità lombarda sul modello americano”.

A dirlo Marco Degli Angeli, consigliere regionale del M5s Lombardia il quale ha poi proseguito: “Ora attendiamo i fatti sul tema della sanità territoriale, uno dei punti cardine su cui proprio il M5s battaglia da mesi, assieme a una maggior valorizzazione dei medici di medicina generale, che finora la Lega ha invece bistrattato e ritenuto inutili”. Aggiunge Degli Angeli: “Regione Lombardia ha fatto un passo indietro e ora, dopo le bocciature arrivate da AGENAS deve guardare con più attenzione alle Case della Comunità, altra proposta che il MoVimento aveva formalizzato con una proposta di legge mesi fa, proponendone ben 216 (7 in provincia di Cremona), assieme a 100 distretti e 64 ospedali di comunità”.

La riforma sanitaria abbraccia, nella teoria, un vero e proprio ripensamento della Sanità lombarda, “ma lo fa - commenta Degli Angeli - favorendo ancora la sanità privata a discapito del pubblico. Anche nella proposta attuale rimane un sistema competitivo dove si lotta ad armi impari e dove vincerà la legge del mercato. Inaccettabile”. AGENAS ha dichiarato come, nei mesi dell’emergenza, in Lombardia ci sia stata una drastica riduzione dei ricoveri programmati, rispetto agli stessi mesi del 2019, con punte anche oltre al 50%”.

A confermare i dati, poi, c’è una ricerca condotta tra marzo e aprile 2021 dallo stesso consigliere Degli Angeli e poi pubblicata su diversi quotidiani nazionali. “In tutta la Lombardia, rispetto al 2019, il numero delle mammografie, degli esami oncologici e di quelli cardiologici è crollato in modo drastico. “Riclassificando i dati che mi sono stati forniti da tutte la Asst lombarde, ho constatato come la pandemia abbia reso più difficile la gestione dei pazienti, soprattutto di quelli più a rischio”. Numeri alla mano, quelli di Degli Angeli: l’Asst di Lodi (una tra le peggiori ndr), nel 2020 rispetto al 2019 ha visto una riduzione di colonscopie pari all’ 89,83%, un 69,41% in meno di mammografie e un 46,35% in meno di esami cardiologici.

La fotografia è la stessa in tutta la Lombardia. Cremona, ad esempio, ha registrato il 53% di esami cardiologici in meno rispetto al 2019 ed un 50% di esami mammografici in meno. Crema il 26% in meno di esami cardiaci ed il 64% in meno di mammografie. Mantova ha registrato invece un 30% in meno di screening mammografici e un 26% in meno di esami cardiologici. Conclude Degli Angeli: “Quelli emersi sono dati davvero preoccupanti.

Questa riforma sanitaria iniziata dalla Giunta Fontana deve quindi prevedere immediati investimenti per rafforzare gli ambulatori pubblici sostituendo temporaneamente le visite intramoenia per le prestazioni che non rispettano le tempistiche previste dai LEA e garantendole come prestazioni pubbliche, riconoscendo gli straordinari ai professionisti, così da sfoltire le liste di attesa senza creare cittadini di serie A e di serie B. Molte visite spostate e rimandate andranno ora recuperate in modo solerte.

C’è quindi davvero bisogno di tempi certi e ben chiari: la salute dei cittadini non può permettersi altri errori di Regione”.

179 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online