Mercoledì, 24 aprile 2019 - ore 18.44

Sesto San Giovanni BIOPIATTAFORMALAB, IL 22 GENNAIO L’ULTIMO INCONTRO APERTO

Presso lo Spazio Arte di Sesto San Giovanni il quinto appuntamento del percorso partecipativo, con la presentazione del documento di sintesi finale

| Scritto da Redazione
Sesto San Giovanni  BIOPIATTAFORMALAB, IL 22 GENNAIO L’ULTIMO INCONTRO APERTO

Sesto San Giovanni  BIOPIATTAFORMALAB, IL 22 GENNAIO L’ULTIMO INCONTRO APERTO

 Presso lo Spazio Arte di Sesto San Giovanni il quinto appuntamento del percorso partecipativo, con la presentazione del documento di sintesi finale

Quinto e ultimo appuntamento per BioPiattaformaLab, il percorso partecipativo per discutere insieme ai cittadini e alle organizzazioni del territorio il progetto di simbiosi industriale CAP-CORE, che unirà termovalorizzatore e depuratore in una biopiattaforma dedicata all’economia circolare carbon neutral. L’incontro conclusivo si terrà martedì 22 gennaio presso lo Spazio Arte di Sesto San Giovanni. Nel corso dell’incontro, la coordinatrice del progetto, Agnese Bertello, presenterà il documento di sintesi che ripercorre tutti gli elementi emersi nel corso degli eventi precedenti e le soluzioni emerse.

Oggetto della presentazione saranno proprio i contributi frutto della partecipazione dei cittadini: istanze, proposte, richieste, suggerimenti, nati attraverso il confronto aperto e trasparente con il territorio e maturati dopo un’attenta analisi dei fattori più rilevanti del progetto, le sue caratteristiche, l’impatto e le ricadute.

Iniziato il 26 novembre scorso, con il primo incontro, BioPiattaformaLab, nasce su proposta dei Comuni di Sesto San Giovanni, Cologno Monzese, Pioltello, Cormano e Segrate. Le due realtà aziendali coinvolte Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, insieme a CORE S.p.a., Consorzio Recuperi Energetici, hanno così deciso di affiancare alla Conferenza dei Servizi preliminare, il processo partecipativo BioPiattaformaLab, con la collaborazione del Nimby Forum, think tank di comprovata esperienza, per coinvolgere attivamente e ascoltare le comunità locali e gli stakeholder.

“Il percorso è stato studiato per fornire informazioni dettagliate sul progetto e per ascoltare e raccogliere istanze, domande e proposte da parte del territorio, in un dialogo attivo con i soggetti proponenti, afferma Agnese Bertello, coordinatrice del percorso per Nimby Forum. I laboratori tematici hanno permesso di entrare nel merito di questioni diverse, afferenti agli aspetti economici, paesaggistici, ambientali, tecnici e relativi alle compensazioni. Completezza e trasparenza delle informazioni, rispetto e ascolto reciproco, approfondimento e indagine della complessità sono i principi cui il percorso si è ispirato”.

“Quando parliamo di biopiattaforma, dobbiamo pensare a una sfida unica a livello europeo, che guarda al futuro seguendo i cardini della sostenibilità e del riutilizzo delle risorse, commenta Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato Gruppo CAP. Un progetto di tale importanza necessitava di essere raccontato al meglio sul fronte della sicurezza, dell’impatto paesaggistico, della salute, della ricaduta per il territorio. Il programma partecipativo ci lascia una grande patrimonio che ha arricchito tutte le parti coinvolte e che non finisce qui. Stiamo pensando a nuovi momenti e a nuove forme di coinvolgimento”.

“L'ultimo appuntamento aperto alla cittadinanza,  commenta il Sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano, segna un percorso di partecipazione che è servito per diffondere il progetto che stiamo portando avanti e per rispondere alle richieste dei cittadini e dei comitati interessati. Ringrazio Cap per questa importante fase di ascolto e condivisione che ha coinvolto la cittadinanza, rendendola partecipe di un piano che garantirà una svolta sul territorio, portando alla fine del termovalorizzatore. Ora andiamo avanti, considerando le istanze del territorio e dei cittadini, nella fase di sviluppo di questo rilevante progetto".

BioPiattaformaLab si è posto come principale obiettivo quello di dare voce al territorio in maniera efficace e concreta. Offrire alla cittadinanza, alle associazioni, a gruppi e comitati locali la possibilità di prendere parte alla definizione di un processo strategico, fornendo tutte le informazioni con la massima trasparenza ed esaustività. Ma soprattutto ha puntato a instaurare un rapporto di dialogo e confronto aperto e continuativo, tendendo a un unico traguardo: migliorare e arricchire il progetto, adattandolo al meglio al contesto in cui sarà realizzato.

Per chi volesse quindi conoscere tutti i dettagli sul processo partecipativo, l’appuntamento è fissato per martedì 22 gennaio. Per aderire, basta iscriversi sul sito della piattaforma, biopiattaformalab.it, oppure mandare un’e-mail al seguente indirizzo di posta elettronica: segreteria@biopiattaformalab.it

BiopiattaformaLab, incontro conclusivo  22 gennaio 2019 Spazio Arte, ore 18.00-20.00 Via Maestri del Lavoro 1 Sesto San Giovanni

Gruppo CAP: Il Gruppo CAP è la realtà industriale che gestisce il servizio idrico integrato sul territorio della Città Metropolitana di Milano secondo il modello in house providing, cioè garantendo il controllo pubblico degli enti soci nel rispetto dei principi di trasparenza, responsabilità e partecipazione. Attraverso un know how ultradecennale e le competenze del proprio personale coniuga la natura pubblica della risorsa idrica e della sua gestione con un’organizzazione manageriale del servizio idrico in grado di realizzare investimenti sul territorio e di accrescere la conoscenza attraverso strumenti informatici. Per dimensione e patrimonio il Gruppo CAP si pone tra le più importanti monoutility nel panorama nazionale. Nel 2017 si è aggiudicato il premio assoluto Top Utility come migliore Utility italiana.

CORE Spa è una società per azioni costituita dai Comuni di Sesto San Giovanni, Cologno Monzese, Pioltello, Segrate e Cormano per occuparsi dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani, tramite incenerimento, delle suddette comunità. Il servizio viene garantito tramite un impianto di termo distruzione a ciclo continuo con produzione finale di energia termica per teleriscaldamento ed energia elettrica.

Sesto San Giovanni, 18 gennaio 2019

346 visite

Articoli correlati

Petizioni online
Sondaggi online