Sabato, 10 aprile 2021 - ore 16.59

Settimama della Sclerosi Multipla

| Scritto da Redazione
Settimama della Sclerosi Multipla

Fino al 2 giugno si terrà la Settimana Nazionale della Sclerosi Multipla. La settimana nata per informare e sensibilizzare su una malattia, la SM - sclerosi multipla - che in italia colpisce 68 mila persone. Un diagnosi ogni 4 ore. Colpisce soprattutto i giovani tra i 20 e i 30 anni.
Tanti appuntamenti per informare e sensibilizzare.
dal 27 maggio a Roma la mostra Under Pressure: 30 immagi di 5 grandi fotografi scattate in 12 paesi d'Europa che sensibilizzano su cosa significa vivere con la SM.
29 maggio Giornata Mondiale della SM - Giornata a cui aderiscono 42 paesi del mondo e l'Italia la celebrerà - all'interno della Settimana di informazione - con un convegno scientifico internazionale in cui saranno riuniti 200 ricercatori per fare il punto sulla ricerca scientifica sulla sclerosi mutlipla.
La settimana di informazione sarà arricchita anche da uno speciale on line al www.aism.it dove a parlare degli sviluppi della ricerca saranno i ricercatori FISM.
Ogni vostro contributo per diffondere l'informazione sulla sclerosi multpla, sugli eventi di sensibilizzazione e sulla malattia e gradito. Ogni vostro supporto è fondamentale per questa Settimana di informazione.
Un ringraziamento anticipato per la vostra collaborazione. Cordiali Saluti

Ufficio Stampa AISM Onlus
347 7581858
barbaraerba@gmail.com

811 visite
Petizioni online
Sondaggi online

Articoli della stessa categoria

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022

L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica. In pensione con i requisiti bloccati sino al 2022 L’Inps interviene sul “blocco” a tutto il 2022 della cosiddetta “speranza di vita” e spiega che l’età si vecchiaia si ferma a 67 anni. Mentre il pensionamento anticipato a favore dei “precoci” resta fissato a 41 anni di contribuzione, indipendentemente dall’età anagrafica.